News

Tariffe Rc Auto troppo care anche per Isvap e ministero

04 gennaio 2011

04 gennaio 2011

Anche per il ministro dello Sviluppo Economico le tariffe rc auto sono troppo care in Italia. E' quello che è emerso dall'incontro con Isvap e Ania per approfondire le proposte segnalate dall'ISvap in tema di r.c.auto. Sul tavolo, un pacchetto di interventi che potrebbe ridurre il costo delle polize del 15-18%.

"Il governo ritiene inammissibile che il costo medio dell'Rc Auto sia di 400 euro, contro i 200 del resto d'Europa". E' quello che ha dichiarato Paolo Romani, ministro dello Sviluppo Economico, al termine dell'atteso incontro con il presidente dell'Isvap e il presidente dell'Ania per approfondire le proposte segnalate dall'Isvap a Governo e Parlamento lo scorso 29 dicembre in tema di rc auto.

Le polizze si possono abbassare
Le proposte riguardano la valutazione del danno alla persona, il risarcimento diretto, il contrasto delle frodi e l’abolizione del tacito rinnovo. Inoltre è stata anche proposta una revisione del sistema delle classi di bonus malus (la maggioranza degli assicurati non fa sinistri e si trova in classi molto basse). L’Isvap stima che questo pacchetto di interventi possa contribuire a contenere il costo della r.c.auto anche del 15-18% (come dichiarato anche dallo stesso presidente dell'Isvap Giannini).

Una battaglia anche nostra
Queste proposte sono la sintesi delle consultazioni aperta a tutti gli interessati dall’Isvap, consultazioni a cui ha partecipato anche Altroconsumo portando avanti la battaglia per un sistema rc auto più equo e non più esposto ai vertiginosi aumenti di tariffe da noi denunciate negli ultimi anni. Tutte proposte che presenteremo anche direttamente al ministro.
L’iter è solo all’inizio ma noi continueremo a vigilare sul settore, in attesa di novità puoi utilizzare il nostro calcolatore per verificare quale compagnia ha la tariffa migliore per te.


Stampa Invia