News

Luce e gas, nel 2018 spenderemo anche il 5,3% in più

Assieme al solito carico di buoni propositi, il nuovo anno porta con sé anche notizie meno confortanti. Nel primo trimestre del 2018, infatti, ci aspettano bollette della luce più care del 5,3% e dovremo mettere in conto incrementi del 5% su quelle del gas. Ma il modo per risparmiare c'è: scegliere offerte più convenienti.

29 dicembre 2017
Rimborsi energia

Con il 2018 ormai alle porte, iniziano ad arrivare le prime notizie poco confortanti sul fronte della spesa energetica che le famiglie italiane dovranno sostenere nel nuovo anno. Stando a quanto comunicato dall'Autorità per l'energia elettrica, il gas e il sistema idrico (Aeegsi), infatti, nel primo trimestre si registreranno incrementi del 5,3% sulla spesa per la luce e del 5% su quella del gas. La mazzata riguarda ovviamente i clienti che non sono ancora passati al mercato libero dell'energia dove, lo ricordiamo, è possibile spuntare condizioni economiche decisamente più vantaggiose. Il profilo preso come riferimento dall'Aeegsi è una famiglia che consuma in media 2.700 kWh in un anno di elettricità e 1.400 metri cubi di gas.

A cosa sono dovuti questi aumenti?

A incidere negativamente sulle bollette degli italiani sono diversi fattori, in primis la ripresa dei consumi, che ha comportato un aumento dei prezzi all'ingrosso dell'elettricità fino al 20%. Ma non è questa l'unica voce responsabile. Sulla bolletta pesano infatti anche gli aumenti del costo del dispacciamento dell'energia, vale a dire la voce che aiuta a garantire un certo equilibrio del sistema elettrico, e gli oneri di sistema che vedono ricomparire le agevolazioni alle imprese cosiddette "energivore". A incidere maggiormente tra i cosiddetti oneri di sistema, è comunque sempre la componente A3 relativa agli incentivi alle fonti rinnovabili che, rispetto agli aumenti comunicati dall'Autorità, ci costa circa 20 centesimi di euro al giorno, per un totale di 73 euro all'anno. L'incremento previsto sulle bollette del gas, invece, è strettamente legato alla crescita della componente materia prima, quindi all'aumento delle quotazioni del gas attese nel prossimo trimestre nei mercati all'ingrosso, dovuti anche a una maggiore domanda relativa ai mesi invernali.

Come risparmiare? Basta valutare le offerte del mercato libero

Per chi non è ancora passato al mercato libero, il nostro consiglio è quello di valutare le offerte proposte dagli altri operatori nazionali. Facendo una media delle prime cinque offerte prese dalla classifica delle tariffe di luce e gas, infatti, si può notare come i risparmi possibili non siano proprio di poco conto. In un anno è possibile risparmiare anche 100 euro per l'elettricità e 147 euro per il gas. Metti a confronto le migliori tariffe luce e gas e scopri quali sono le più convenienti.