News

Bolletta luce, nuovi aumenti

01 luglio 2013
aumenti luce

01 luglio 2013

Entrano in vigore da oggi nuove tariffe che andranno ad aumentare i costi totali della corrente elettrica. La concorrenza c’è, ma non produce una riduzione della spesa per i consumatori.

Gli aumenti non finiscono mai per la bolletta della luce. Da oggi, infatti, entrano in vigore nuove tariffe - non solo per la corrente elettrica, ma anche per il gas - che peseranno sulle tasche dei consumatori.

Prima di vedere quali sono le ragioni e gli effetti di questi aumenti, ti ricordiamo che cambiare fornitore è sicuramente un buon modo di risparmiare: nel migliore dei casi, si possono spendere 40 euro in meno.

Trova la tariffa meno cara

Se consideriamo il consumo medio nazionale per nucleo familiare di 2.700 KWh all’anno, l’aumento della spesa è pari all’1,4% rispetto al primo trimestre del 2013.

Le cause dei rincari

Ma perché il costo finale in bolletta aumenta, nonostante il libero mercato porti ad una maggiore concorrenza e quindi ad un’effettiva diminuzione del prezzo vero e proprio della corrente? 
La causa degli aumenti sono gli incentivi e gli oneri vari rivolti, innanzitutto, a sostenere la produzione da fotovoltaico. Incentivi che oggi pesano per il 18% del totale pagato, circa il 2% in più rispetto al 2012. A pesare, anche il fatto che il nostro sistema elettrico ancora non riesce a gestire al meglio la produzione italiana da fonti rinnovabili. Un’inefficienza che si trasforma in costi maggiori per i consumatori.

Liberalizzazione? Effetti nulli

Il paradosso – che come sempre pesa sulle nostre tasche – è che, anche se il prezzo effettivo della corrente è diminuito grazie alla concorrenza (in media del 13% rispetto a un anno fa), il costo finale in bolletta aumenta a causa delle inefficienze del sistema e dell’inadeguatezza delle norme in vigore che, per questo, chiediamo vengano modificate allo scopo di garantire un reale risparmio.

Il confronto con il gas

Mentre il costo totale della luce è aumentato rispetto a un anno fa, quello del gas è diminuito. Vediamo nel dettaglio: sulla base dei prezzi di luglio 2013, si stima che una famiglia di quattro persone, che consuma 1.400 metri cubi di gas all’anno, spenderà 25 euro in meno rispetto al 2012 (-2%). Un trend positivo contrapposto a quello della corrente elettrica che, nelle nostre stime, – sempre per una famiglia di 4 persone (che consuma mediamente 3.180 KWh all’anno) – aumenterà di 11 euro, con un incremento del 2% rispetto a un anno fa.

Aderisci al primo gruppo d'acquisto per luce e gas

Ricorda, inoltre, che – fino al 18 settembre, senza vincoli e senza alcun costo - puoi aderire al primo gruppo d’acquisto per luce e gas.


Stampa Invia