News

Detrazioni per risparmio energetico, finalmente i moduli da utilizzare

08 maggio 2009

08 maggio 2009

Dopo ben 70 giorni dalla data prevista, l'Agenzia delle entrate ha finalmente pubblicato il modello da utilizzare per usufruire degli sconti fiscali previsti per le spese di ristrutturazione che comportano un risparmio energetico. Si tratta di una detrazione del 55% della spesa sostenuta divisa in cinque anni.

Un provvedimento controverso
Il primo decreto anticrisi (DL 185/2008 convertito nella L. 2 del 28 gennaio 2009) aveva sollevato un coro di voci indignate per il tentativo di eliminare le detrazioni "virtuose" per le spese sostenute per il risparmio energetico.

Dopo vari ripensamenti il Governo aveva deciso di lasciarle a disposizione dei cittadini, ma mancava il provvedimento applicativo, che l'Agenzia delle entrate avrebbe dovuto emanare entro 30 giorni dalla conversione in legge.

In seguito a un'interrogazione parlamentare (per via dei ritardi e della confusione ingenerata nei cittadini), nei giorni scorsi la Commissione finanze aveva stabilito, in via provvisoria in attesa delle pubblicazione degli appositi moduli, che fosse sufficiente inviare la documentazione all'Enea (Ente per le nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente).

Ecco i moduli
Probabilmente consci del vergognoso ritardo, gli operatori dell'Agenzia hanno ora pubblicato il modulo, che però è da utilizzare solo da chi inizia i lavori nel 2009 e non li termina nello stesso anno. Quindi, a differenza di quanto detto con il decreto anticrisi, il modulo non va inviato per i lavori iniziati e terminati nello stesso anno.

L'invio va fatto in via telematica tramite il sito www.agenziaentrate.it (dal contribuente stesso o tramite intermediari abilitati) entro 90 giorni dalla fine dell'anno nel quale sono iniziati i lavori: quindi, per quelli iniziati nel 2009 e che proseguiranno nel 2010, l'invio va fatto entro il 31 marzo del prossimo anno.

Ma attenzione, se i lavori proseguono per più anni, ogni anno dovete fare la comunicazione, quindi se le ristrutturazioni iniziate quest'anno proseguono anche nel 2011, dovrete inviare il modello sia nel 2010 sia nell'anno successivo.

Nel modulo vanno indicati i dati del dichiarante, dell'immobile, la data di inizio lavori e la tipologia di intervento realizzato. Se non siete coi a inviare la comunicazione tramite il sito dell'agenzia delle ENtrate (www.agenziaentrate.it) deve essere indicato nel modello l'impegno alla presentazione telematica da parte del soggetto a cui vi siete rivolti (Caf o professionista abilitato).


Stampa Invia