News

Un kit di lampadine che ti vincola: Energia Semplice di Illumia non convince

20 novembre 2015
Energia Semplice di Illumia: l

20 novembre 2015

Secondo la pubblicità garantirebbe di risparmiare fino a 100 euro in un anno, grazie anche a un kit di lampadine a LED fornite in comodato d'uso. Peccato che questo omaggio di benvenuto ti vincoli per tre anni e il recesso anticipato comporti una penale. A conti fatti, inoltre, le tariffe non sono neanche convenienti. Ecco perché.

Una tariffa non proprio conveniente

Promette di aiutare risparmiare fino a 100 euro sulla bolletta della luce, grazie anche a un kit di lampadine LED che viene fornito in comodato d'uso gratuito. L'offerta Energia Semplice di Illumia è molto pubblicizzata, sia online che in tv. A conti fatti, però, non è così conveniente come vogliono farci credere: sia dal punto di vista economico che contrattuale. L'abbiamo analizzata.

Una fascia di picco troppo ampia

Diversamente da quanto avviene con le altre offerte disponibili sul mercato domestico, Energia Semplice ha una fascia di picco molto ampia. Mentre per gli altri operatori è compresa tra le 7 e le 19, dal lunedì al venerdì, per Illumia la fascia di picco parte alle 7 e arriva fino alle 23 e va dal lunedì al sabato. In pratica significa che, sottoscrivendo questa offerta, pagheremo l'energia a prezzo pieno anche in fasce orarie che pagheremmo a prezzo ridotto con altri operatori. Spostare i consumi all'interno di questa fascia (7-23) non è sempre semplice: fatta eccezione di lavatrici e asciugatrici (condomini permettendo), infatti, l'utilizzo degli altri elettrodomestici non è particolarmente flessibile (pensiamo al condizionatore, che incide notevolmente sui consumi, o al forno).

Veniamo ai costi, decisamente troppo alti

Specie se confrontata con altre offerte presenti sul mercato, Energia Semplice mostra la sua debolezza in termini di convenienza. Prendiamo come esempio l'offerta bioraria di Trenta, vincitrice di Abbassa la bolletta 2015. Il prezzo nella fascia di picco è pari a 4,4 centesimi al KWh, contro i 7,2 di Illumia. Stesso discorso vale per la fascia al di fuori: Illumia propone un prezzo di 6,1 centesimi al KWh contro i 4 di Trenta. Come se non bastasse, Energia Semplice prevede anche l'applicazione di un corrispettivo applicato ai KWh consumati, chiamato parametro lm, che peggiora ulteriormente la convenienza della tariffa. A conti fatti, immaginando un consumo di 2.700 KWh all'anno, l'offerta di Abbassa la bolletta ha una spesa annua stimata di 442,44 euro, contro i 792 di Illumia. Il promesso risparmio di 100 euro dovuto alle lampadine LED, perciò, non consente di ritenerla davvero un'offerta conveniente.


Offerta
Prezzo KWh
(fascia di picco)
Prezzo KWh
(durante gli altri orari)
Stima costo annuo
(2.700 KWh)
Energia Semplice
(Illumia)
7,3 cent. 6,1 cent. 792 euro
Bioraria
(Trenta)
4,4 cent. 4 cent. 442,44 euro

Servizi aggiuntivi: troppa spesa e servizi carenti

I costi per i servizi aggiuntivi che includono, tra gli altri, anche l'ottimizzazione dei consumi, con la quale Illumia valuta mese per mese la distribuzione dei consumi e applica la tariffa più conveniente tra monoraria e bioraria in base ai nostri consumi. Oltre a questo, i servizi aggiuntivi (che costano 0,19 euro al giorno + Iva), includono la fornitura di energia  verde, le newsletter per il risparmio energetico e l'individuazione di dispositivi per il risparmio energetico. A conti fatti, considerando l'Iva, la spesa mensile è di circa 6,5 euro in più per servizi che, al momento, sembrano piuttosto carenti.

Quali offerte convengono davvero?

Orientarsi nella giungla delle tariffe per l'energia può essere complicato. Ti guidiamo noi con il nostro servizio di comparazione delle offerte.


Confronta le tariffe luce


Stampa Invia