Speciali

Materassi, test su 15 nuovi modelli

15 ottobre 2015
Materassi quale scegliere

15 ottobre 2015

Qual è il materasso più adatto alla tua schiena? Meglio uno a molle o un memory? E serve davvero spendere tanto? Per restare al passo con il mercato, e rispondere a tutti i dubbi, stiamo aggiornando il nostro test con 15 nuovi modelli. Presto i risultati, ma nel frattempo ecco alcuni consigli per iniziare a orientarsi.

Letto e cuscino: il kit del buon sonno

Un buon sonno è garantito dal corretto abbinamento di tre elementi: il materasso, la base su cui poggia e il cuscino. Vediamo allora brevemente che caratteristiche devono avere gli altri due elementi che concorrono al buon riposo.

La struttura del letto
Come il materasso ideale ci offre il corretto sostegno, così la base ideale sostiene in maniera ottimale il materasso. Deve essere abbastanza dura per evitare che si affossi, ma anche piuttosto elastica, per evitare il rischio di rottura in presenza di carichi elevati. Inoltre la struttura deve essere sufficientemente larga da garantire la giusta aerazione del materasso.

La base a doghe è fatta da listelli di legno: offre la giusta elasticità e dà anche un buon sostegno. Ottima la combinazione con materasso in poliuretano per chi ama dormire su un letto duro. L'unico neo è l'aerazione, buona solo nei punti non coperti dai listelli.

La base a spirale, cioè la rete in ferro a molle, fornisce un'ottima aerazione al materasso, ma non il sostegno ideale, se le molle sono fissate solo a testa e piedi del letto e non anche sugli altri due lati. Si abbinano bene a questa rete sia il materasso in lattice sia quello a molle biconiche.

La boxspring è una base ricoperta di tessuto che al suo interno ha delle molle (normali o biconiche) e sui lati cuscinetti in espanso. È morbida, più delle altre, e offre un'ottima ventilazione. Si può abbinare con un materasso a molle.

La base a doghe regolabili consente di regolare l'inclinazione del letto con effetto poltrona/divano, se si solleva lo schienale per leggere o guardare la tv, oppure effetto riposante, sollevando il materasso a livello dei piedi, per una posizione adatta a chi soffre di disturbi di circolazione. I modelli più sofisticati sono dotati di un motorino elettrico per cambiare posizione. Questa base va abbinata a un materasso in lattice, mentre non va bene con materassi rigidi, come quelli a molle o in poliuretano.

Il cuscino

Il suo scopo è quello di mantenere una buona curvatura del collo durante il sonno: se il guanciale è troppo morbido o troppo rigido siamo costretti a mantenere una posizione innaturale, la muscolatura non si rilassa e potrebbero insorgere fastidiosi dolori.

Il cuscino

DIMENSIONI
La larghezza del cuscino dovrebbe essere non inferiore alle spalle, indicativamente 80-100 cm.

La corretta altezza dipende principalmente dalla posizione in cui si dorme: dai 10 ai 20 cm, non più alti, altrimenti risultano dannosi per il collo.

Per chi dorme di schiena la testa e collo hanno bisogno di sostegno perchè il corpo si rilassi: cuscini troppo bassi portano ad assumere posizioni scorrette, troppo alti, costringerebbe la muscolatura ad una posizione innaturale. La soluzione ideale è un cuscino di altezza media.

Per chi dorme di lato un cuscino basso compromette l’allineamento della colonna, meglio un cuscino medio-alto così testa e collo saranno in linea con la colonna.

Se dormi a pancia in giù, usa un cuscino basso: ridurrà la pressione dal collo e la tensione muscolare.

I cuscini bassi inoltre sono più adattia  chi soffre il caldo, al contrario chi preferisce calore può optare per un cuscino più avvolgente e alto.

IMBOTTITURA
Possono avere imbottiture in diversi materiali.

  • Piumino e piuma. Sono i cuscini più morbidi in assoluto, in quanto si deformano facilmente sotto il peso della testa per poi tornare alla posizione di partenza quando ci alziamo. Sono materiali traspiranti, che fanno quindi circolare bene l'aria e assorbono l'umidità, favorendo l'evaporazione del sudore.
  • Lattice. Offre un buon supporto per testa e collo, mantiene il calore ma trattiene anche l'umidità, quindi può risultare poco adatto a chi suda molto o in estate ed è ovviamente da sconsigliare a chi ha un'allergia specifica a questo materiale . I cuscini in lattice sono molto resistenti.
  • Poliestere. Fornisce un buon appoggio per la testa, un'aerazione adeguata ed è molto facile da lavare. Con l'uso potrebbe perdere compattezza.
  • Schiuma. Si adatta alla forma della testa e alla curvatura del collo e le mantiene bene, in particolare se si tratta di schiuma a memoria di forma viscoelastica. Garantisce un sostegno uniforme.

MANUTENZIONE E DURATA
Per evitare che si trasformi in un ricettacolo di germi e sporcizia, è bene arieggiarlo ogni giorno
Ricordatevi di girarlo spesso
è inoltre importante lavarlo quando è possibile ed utilizzare fodere in cotone lavabili per coprirlo
La durata media, a seconda dell'utilizzo e dell'usura, è di 2-5 anni.


Stampa Invia