News

Carta: ci piace riciclarla

01 febbraio 2010
carta

01 febbraio 2010

Ci sono ancora margini per aumentare la raccolta differenziata e il riciclo. La soluzione più verde? Consumarne meno e scegliere quella giusta.

Dal legno alla carta
In Europa, la maggior parte della cellulosa utilizzata dall'industria cartaria proviene da legname ricavato dallo sfoltimento degli alberi, da residui di altri settori industriali (segherie) e da foreste gestite in modo sostenibile, cioè in maniera tale da non comprometterne crescita, valore ambientale e biodiversità, come assicurano alcune certificazioni della carta. Tant'è che nel Vecchio Continente ogni anno la copertura forestale aumenta di quasi 6.500 chilometri quadrati, una superficie che in un decennio ha superato quella della Val d'Aosta.

Costi e benefici per l'ambiente
Se riciclassimo tutta la carta che consumiamo, gli effetti sull'ambiente non sarebbero così positivi come istintivamente si è portati a ritenere. I rifiuti della lavorazione della carta riciclata sono spesso difficili da smaltire. Inoltre, per disinchiostrare e sbiancare la carta riciclata sono necessarie più sostanze chimiche di quelle che servono per produrre l'equivalente di carta da fibra vergine. All'opposto, se non la riciclassimo affatto, bisognerebbe mettere in conto i costi ambientali per smaltire tutta la carta buttata via - i 26,5 milioni di tonnellate di CO2 che invece sono stati evitati negli ultimi dieci anni - e un numero più alto di discariche. L'acquisto di carta con il certificato verde dà la sicurezza che non si è fatto scempio di foreste.

Il cartone della pizza non va raccolto
Se la raccolta differenziata si è radicata nelle abitudini degli italiani, la sfida futura è legata alla qualità. Non basta riconoscere se il rifiuto è di cellulosa oppure no, sono importanti anche le sue condizioni. Il cartone della pizza non va destinato al bidone della carta, visto che gli avanzi di alimenti compromettono la qualità dell'intera partita di carta raccolta. Vale lo stesso discorso per i tovaglioli di carta, la carta da cucina e i fazzoletti di carta: vanno gettati nel sacco dell'indifferenziata (sacco nero) oppure tra i rifiuti umidi, se previsto dalle disposizioni comunali.

Per vedere correttamente questa animazione abilita i javascript nel tuo browser, oppure scarica la versione più recente di Adobe Flash Player

Stampa Invia