News

Detersivo felce azzurra: amico della natura, ma non troppo

12 agosto 2010

12 agosto 2010

L'ambiente ringrazia i detersivi concentrati: meno plastica e meno sprechi. Mon Amour Felce Azzurra si ferma però alle buone intenzioni: da migliorare il tappo dosatore, la confezione e gli ingredienti.

Non proprio "verde"
Una "extra vitalità che arriva al cuore" ma che, tuttavia, non raggiunge la natura. Malgrado sia un detersivo concentrato che, in teoria, evita gli sprechi, tappo dosatore, confezione e ingredienti fanno di Felce Azzurra Mon Amour non esattamente un amico dell'ambiente.

La dose? Tutta una questione di tappo
Il produttore - la Paglieri di Alessandria - consiglia di usare per uno sporco medio e una durezza media 18 ml, che corrispondono a 2/3 di tappo. Difficile, tuttavia, dosarlo correttamente: il tappo non presenta infatti tacche graduate, il prodotto, essendo concentrato, è viscoso e le quantità in gioco sono molto basse, dato che le differenze sono di qualche millilitro.

La Paglieri inoltre si contraddice e in etichetta ("con 1 solo tappo garantisce…") fa riferimento ad un tappo intero (che quindi corrisponde a 27 ml). In questo caso però le dosi non sono più 40 (calcolate se si usano 18 ml), bensì 28.
La domanda, quindi, sorge spontanea.Che senso ha fare un tappo che contiene 27 ml e dire di usarne 2/3?

Un manico che fa a botte con l'ambiente
Anche la confezione è poco amica dell'ambiente: non solo perché lo spazio vuoto all'interno del prodotto non è trascurabile e la forma del falcone non è ottimale per il trasporto e lo stoccaggio rispetto a una confezione quadrata ma, essendo dotata di manico (che per produrlo si deve utilizzare molta più plastica che per un flacone lineare), la quantità di prodotto che rimane all'interno della confezione senza poter essere utilizzabile, aumenta esponenzialmente.

Troppi profumi nuocciono alla salute
Uno sguardo, infine, agli ingredienti: la composizione è quella classica dei detersivi per lavatrice, ma in questo caso segnaliamo l'aggiunta di molti profumi in più. La formulazione infatti vanta un profumo persistente ("extra profumato", "profumo extra prolungato"), ma i profumi, oltre ad avere un elevato impatto ambientale, potrebbero provocare allergie, in particolare perché contiene bensei frequenti allergeni di profumo (benzyl salycilate, butyl methyl propional, citronellol, geraniol, hexyl cinnamal, linalool). Attenzione dunque se siete particolarmente sensibili o allergici.


Stampa Invia