News

La mappa del radon

21 settembre 2012
radon

21 settembre 2012

In dieci anni sono state 4.760 le misurazioni effettuate nelle case dei nostri soci. Lazio e Campania rimangono le regioni con le più elevate concentrazioni medie di questo gas radioattivo. Le concentrazioni più a rischio sono state rilevate in alcune zone di Lazio, Lombardia, Piemonte e Friuli Venezia Giulia.

Il radon è un gas radioattivo che si annida subdolamente negli ambienti chiusi: in casa, nelle scuole, nei luoghi di lavoro. Un gas classificato tra i cancerogeni più pericolosi, la cui esposizione, soprattutto per lunghi periodi e in concentrazioni elevate, aumenta il rischio di tumore ai polmoni. Fuoriesce dal sottosuolo, penetrando nelle case attraverso crepe, fessure, canalizzazioni degli impianti idraulici, elettrici e di scarico. Per la sua conformazione geologica il nostro Paese è particolarmente sensibile al rischio radon.

Misura la quantità in casa tua
Da dieci anni Altroconsumo dà ai propri soci la possibilità di misurare il radon tra le pareti domestiche attraverso un dosimetro, a un prezzo contenuto, grazie a un accordo con un laboratorio specializzato. La media dei valori di radon misurati dai nostri soci è aumentata in questi anni e si avvicina al limite previsto per le nuove costruzioni (200 Bq/m3) e nei luoghi di lavoro. Una concentrazione molto più alta dei 70 Bq/m3, che è il valore medio italiano ottenuto con l’indagine nazionale effettuata a campione negli anni Novanta.


Stampa Invia