News

Padelle in ceramica: i cibi non si attaccano

23 aprile 2013
padelle ceramica

23 aprile 2013

Le padelle in ceramica tengono testa alle concorrenti più diffuse, rivestite in teflon. Ma non sono tutte uguali: ecco le migliori. Testata a titolo di confronto una padella con rivestimento in pietra, la Stonewell

Abbiamo testato nove padelle in ceramica e, a titolo di confronto, una con rivestimento in pietra, la Stonewell. Consulta i risultati completi del test.

Durano nel tempo

Spesso le padelle antiaderenti in teflon quando sono nuove offrono buone prestazioni. I problemi sorgono dopo averle usate per un po’: i cibi iniziano ad attaccarsi, segno che il supporto antiaderente perde efficacia. Per questo motivo si consiglia di sostituirle quando il rivestimento è rovinato. Con le padelle in ceramica, che abbiamo provato in questo test, il problema non si pone. Innanzitutto il materiale utilizzato per il rivestimento è sicuro. Inoltre è resistente, sopporta bene i graffi e garantisce un buon effetto antiaderente.

Cosa valutare in negozio

I prezzi variano molto: si passa dai 10,90 euro del prodotto più economico ai 27,50 di quello più caro. Al momento dell’acquisto, a cosa bisogna fare attenzione?
• Fondo. Scegli una padella con il fondo pesante, avrai una distribuzione più uniforme del calore e una pentola più stabile.
• Manico. Non deve pesare più della padella. Il metallo è più resistente della plastica alla fiamma e al calore, ma potrebbe diventare molto caldo durante la cottura.
• Peso e stabilità. Una pentola troppo pesante è difficile da maneggiare, ma se è troppo leggera può capovolgersi per il peso del manico ed essere pericolosa.
• Resistenza agli urti. Non tutti le pentole sono resistenti.
• Facilità d’uso. Prova a maneggiare la padella in negozio. Verifica se l’impugnatura è comoda.

La giusta manutenzione

Prima di usare la pentola nuova, lavala con acqua tiepida e poco detersivo per i piatti. Evita tutti gli utensili abrasivi, come pagliette e spazzole troppo dure. Non tagliare mai i cibi all’interno della pentola. Non riscaldare mai la padella vuota: in pochi minuti può raggiungere una temperatura molto elevata. A fine cottura, falla raffreddare prima di metterla sotto l’acqua. Non tutte le padelle antiaderenti sono adatte per il lavaggio in lavastoviglie: leggi bene l’etichetta.

Stampa Invia