News

Pentole a pressione: il test

01 aprile 2011
pentole a pressione

01 aprile 2011

Abbiamo messo alla prova sette pentole a pressione tra le più diffuse sul mercato. Sono tutte sicure e capaci di farci portare in tavola rapidamente un pranzo cotto a puntino. Alcuni modelli sono però poco maneggevoli. Meglio, in questo senso, le pentole con chiusure a baionetta.

Occhio al coperchio
Tutte le pentole con coperchio a passo d’uomo sono ostiche da aprire e chiudere.
Tenetene conto quando fate l’acquisto perché anche questo può essere un deterrente o una scusa per poi lasciarla nella scatola senza usarla. Sono molto più maneggevoli i modelli con chiusura a baionetta e Clipso.

Usatela bene e vi farà felici
La pentola a pressione può rivoluzionare il nostro modo di cucinare facendoci risparmiare tempo, energia e vitamine. A patto che si usino nel modo giusto.
Questi alcuni consigli da seguire:
- non riempire troppo la pentola (seguire le istruzioni);
- mettere meno acqua possibile nella pentola, altrimenti i tempi per portarla in pressione aumentano e anche l’energia necessaria. Il cibo non deve occupare più di due terzi dello spazio, acqua inclusa;
- seguire attentamente i tempi di cottura indicati dal produttore, poi con l’esperienza potrete adeguarli;
- per alimenti che richiedono tempi di cottura più lunghi si può risparmiare energia spegnendo il gas qualche minuto prima e lasciando che la pentola si raffreddi senza usare la valvola né metterla sotto l’acqua fredda. Così la cottura prosegue così per un po’.

Marche del test

  1. Aeternum
  2. Barazzoni
  3. Casa Collection
  4. Coop
  5. Lagostina
  6. Wmf

Stampa Invia