News

Plastica, un capolavoro da riciclare

01 marzo 2009

01 marzo 2009

Differenziarne la raccolta significa salvarla dallo smaltimento e farla rivivere sotto altre forme. Ecco come i cittadini possono far bene all'ambiente e all'industria.

Che fine fa la plastica
La chiamano "la regola delle tre erre": ridurre, riutilizzare, riciclare. E non stiamo parlando di cosa fare con i regali sgraditi, ma di come comportarsi con la plastica, e più precisamente con gli imballaggi di plastica (bottiglie, flaconi, sacchetti, scatole, vaschette, barattoli e pellicole). È vietato leggere i tre verbi all'infinito, perché si tratta di imperativi. Imperativi urgenti per l'ambiente. Seguirli è più semplice di quanto si possa credere. Comprare frutta e verdure sfuse, bere l'acqua del rubinetto, acquistare detersivi "alla spina" o prodotti di aziende che hanno avviato iniziative per ridurre al minimo il packaging. Il famoso "prevenire è meglio che curare" vale anche per la salute dell'ambiente. Riutilizzare è la seconda regola aurea, a cominciare dal sacchetto o dal dosatore del sapone (meglio comprare una ricarica). E poi c'è il riciclaggio, capace di ridare nuova vita ai nostri rifiuti, di farli tornare a noi sotto diverse forme e utilità. Con 67 bottiglie dell'acqua si fa l'imbottitura di un piumino matrimoniale. Con 11 flaconi del latte si fa un annaffiatoio. Con 14 vaschette di plastica, un cestino portafiori. È un circolo virtuoso quello del riciclo: diminuiscono i rifiuti che finiscono nelle discariche, si consuma meno energia di quella che servirebbe per produrre le plastiche vergini, si risparmia sul petrolio necessario alla produzione. E si risparmia pure sul suo smaltimento. Tutto ciò è possibile solo se ogni giorno abbiamo destinato un po' di attenzione e qualche minuto nel fare la raccolta differenziata: un modo per spedire il rifiuto al giusto indirizzo, al destinatario capace di mettere in atto questa utile trasformazione.

Cinque regole per riciclare al meglio

  • Separare sempre gli imballaggi di plastica che possono essere riciclati. I materiali riciclabili sono generalmente: bottiglie di acqua minerale e bevande, vaschette per alimenti, flaconi di detersivi e saponi, sacchetti della spesa.
  • Svuotare bene gli imballaggi prima di buttarli, eliminando residui di alimenti o detergenti. Se è il caso, risciacquare il contenitore per evitare i cattivi odori.
  • Cercare di compattare bene il rifiuto di plastica: le bottiglie delle bevande, per esempio, possono essere schiacciate, in modo da occupare molto meno spazio.
  • Chiedere al proprio Comune o all'azienda di raccolta rifiuti quali sono i materiali che possono essere destinati alla raccolta differenziata. Chiamare il numero verde ogni volta che si presenta un dubbio.
  • Scegliere prodotti con packaging in plastica ridotti ai minimi termini o addirittura senza imballaggi. Cercare, quando è possibile, di riutilizzare i contenitori o di non usare gli imballaggi.

Stampa Invia