News

Settimana europea per la riduzione dei rifiuti: noi partecipiamo

14 novembre 2012

14 novembre 2012

Dal 17 al 25 novembre si tiene la Settimana europea per la riduzione dei rifiuti, iniziativa sostenuta dalla Commissione europea, con l'obiettivo di sensibilizzare istituzioni e consumatori sulle strategie di prevenzione dei rifiuti. Anche noi abbiamo voluto partecipare, proponendo alcuni esempi, negativi e positivi, di imballaggi.


L'iniziativa dell'Unione europea
La Settimana europea per la riduzione dei rifiuti - che quest'anno si tiene dal 17 al 25 novembre - è un'ampia campagna di comunicazione ambientale sostenuta dalla Commissione europea, con l'obiettivo di sensibilizzare le istituzioni e i consumatori sulle strategie di prevenzione dei rifiuti messe in atto dall'Unione europea, che gli stati membri devono perseguire.

Parte la settimana europea per la riduzione dei rifiuti e anche noi abbiamo voluto fare la nostra parte. Come? Puntando la luce su un aspetto importante: le confezioni dei prodotti. Per una buona raccolta differenziata, infatti, è molto importante smaltire i rifiuti nel modo giusto, vale a dire dividendoli a seconda del materiale di cui sono fatti e portandoli nei rispettivi cassonetti. In questo, anche i produttori devono fare la loro parte rendendo gli imballaggi il più possibile facili da differenziare. Qui trovate degli esempi negativi e positivi: è da bocciare, per esempio, una confezione che unisce materiali diversi, come plastica e carta, difficili da separare. O bustine di tè che non si possono gettare nell'umido. Potete segnalare altri casi sulla nostra pagina Facebook.


Ispirarsi all'Europa per cambiare
Per promuovere il cambiamento necessario abbiamo sottoscritto la petizione "Meno rifiuti più benessere in 10 mosse" promossa dall’associazione dei Comuni virtuosi. Le 10 mosse sono ispirate da esempi e soluzioni che hanno permesso ad altri paesi europei di raggiungere migliori tassi di riciclo e una minore produzione di imballaggi. Si parla, ad esempio, di sostituire tutti gli imballaggi non ricicliclabili e di eliminare i componenti superflui e quelli che impediscono o complicano il riciclo.

Stampa Invia