Consigli

Imbiancare a regola darte

03 febbraio 2011

03 febbraio 2011

Le operazioni di preparazione sono fondamentali per ottenere buoni risultati di pittura. Spesso questi lavori sono lunghi e noiosi, ma non vanno sottovalutati: pareti e soffitti vanno trattati preventivamente per essere in grado di ricevere al meglio la pittura.

In particolare le superfici da pitturare non devono presentare tracce di umido né essere sporche o impolverate.
Prima di iniziare a lavorare bisogna assicurarsi che i muri siano ben asciutti.
Per le nuove costruzioni, occorrono almeno sei mesi prima che siano del tutto privi di umidità. 

  • Stuccate bene buchi e crepe e lasciate asciugare; poi levigate la superficie e spolveratela prima di tinteggiare.
  • Può essere utile passare una prima mano di pittura abbondantemente allungata con acqua, in modo tale che la superficie risulti meno porosa e più facile da trattare.
  • Stendete una sostanza fissativa (il cosiddetto "primer") per creare uno strato di fondo. Iniziate a pitturare solo quando il primer è perfettamente asciutto e le eventuali imperfezioni della superficie sono state stuccate.
  • Prima di stendere la prima mano su tutta la superficie, tinteggiate le parti che hanno bisogno di essere ripassate più volte.
  • Non fatevi prendere dalla fretta. Prima di stendere la seconda mano di pittura aspettate i tempi di asciugatura suggeriti dal produttore.

Superfici già dipinte. Pulite gli strati precedenti di pitture prima di sovrapporre tinteggiature di altra natura.

  • Lavare la superficie significa togliere la polvere e sgrassarla. Potete utilizzare un detergente e poi risciacquare oppure acqua tiepida con ammoniaca (un bicchere circa per secchio d'acqua); se scegliete questa seconda soluzione, ricordatevi di mettere i guanti, perché l'ammoniaca può essere irritante per la pelle. In entrambi i casi, lasciate sempre asciugare le superfici prima di continuare il lavoro.
  • Stuccate buchi e fessure. 
  • Il fondo va utilizzato se la superficie si sgretola oppure lascia tracce di polvere sulle mani.

Tappezzeria. Prima di pitturare fate un piccola prova: inumidite leggermente la tappezzeria in due o tre punti in cui il disegno è più evidente. Se nessun colore si scioglie, potete procedere direttamente a passare la pittura. In caso contrario dovrete invece applicare uno strato di fondo isolante.

  • Se la carta da parati è troppo sporca e non si riesce a lavare, è meglio toglierla, perché la pittura aderisce con difficoltà sulle superfici sporche. Conviene eliminarla anche quando sul muro ci sono più strati di tappezzeria. Non lasciate tracce. Giornali e fogli di cellophane sono i sistemi migliori per proteggere pavimenti e infissi da gocce di pittura.
  • Per evitare sbavature, dipingete i profili con il pennello e non con il rullo. 
  • Una volta finito il lavoro, non gettate mai la pittura avanzata in tombini o scarichi dell'acqua. Anche nel caso di prodotti abbastanza innocui per l'ambiente e biodegradabili, è meglio smaltirli separatamente: per farlo, chiamate i centri di raccolta per rifiuti speciali oppure chiedete informazioni ai gestori che si occupano della normale raccolta di rifiuti domestici.

Stampa Invia