Consigli

Pulizie e bucato, cinque risposte alle domande più frequenti

18 giugno 2015

18 giugno 2015

Posso usare l'aceto al posto dell'ammorbidente o del brillantante? E serve davvero igienizzare casa e vestiti? Quando puliamo e facciamo il bucato i dubbi sono sempre molti e non sempre è facile capire quale sia la cosa migliore da fare: il nostro esperto risponde a cinque tra le domande più frequenti che ci vengono rivolte.

Pulire casa non è mai divertente, i dubbi sono sempre molti e districarsi nella giungla dei tanti prodotti non è facile. Sei sicuro di sapere tutto e di fare le scelte giuste? Durante il Festival di Altroconsumo a Ferrara, molti consumatori ci hanno rivolto domande su ammorbidenti, brillantanti e prodotti igienizzanti per pulire casa e bucato. Ne abbiamo scelte cinque, alle quali abbiamo cercato di dare risposte chiare e il più possibile utili.

Ammorbidenti, brillantanti, igienizzanti & Co.

  1. In lavatrice, posso  mettere l'aceto al posto dell’ammorbidente? I nostri test dimostrano che l'ammorbidente ha sì un buon profumo, ma inquina e la soluzione migliore sarebbe farne a meno. L'aceto, invece, non è un buon sostituto e alla lunga potrebbe danneggiare la lavatrice. L'unica alternativa è una soluzione al 10% di acido citrico che si compra nei negozi di giardinaggio, oppure in farmacia (anche se qui è più caro).
  2. Il brillantante in lavastoviglie è davvero utile? Posso sostituirlo con l'aceto? La funzione del brillantante è quella di creare una patina che fa scivolare via l'acqua dalle superfici, in modo tale che non si formino gli aloni. Se utilizzi un prodotto “tutto in uno” il brillantante è già incluso e quindi non serve aggiungerlo. L'aceto non è un buon sostituto, perché non ha lo stesso effetto. Un buon compromesso potrebbe essere quello di usare il brillantante, ma in quantità ridotta.
  3. Serve davvero "igienizzare" pavimenti e lavelli? No, è la pubblicità che vuole farci credere che sia indispensabile farlo. I prodotti igienizzanti, disinfettanti e antibatterici sono molto inquinanti e l'igiene dura poco perché viviamo in un ambiente fortunatamente non sterile. Inoltre da molti studi è addirittura emerso che è controproducente far crescere i bambini in ambienti troppo igienizzati.
  4. È vero che più i prodotti fanno schiuma più sgrassano? No, non necessariamente. Le sostanze lavanti (tensioattivi), cioè quelle che puliscono e sgrassano, sono di diversi tipi e alcune fanno più schiuma di altre. La schiuma ci aiuta a dosare meglio il prodotto, perché se non la vediamo pensiamo che non funzioni e magari eccediamo nelle dosi. Gli agenti schiumogeni, però, sono inquinanti.
  5. Per lavare posso usare la candeggina? Da tutti i nostri test è emerso che è molto efficace, ma pericolosa (irritante e senza tappo di sicurezza) e inquinante. È meglio sostituirla con prodotti meno aggressivi; come sbiancante nel bucato si possono usare ad esempio gli sbiancanti a base di ossigeno, per le pulizie va benissimo un detergente multiuso normale o acqua e aceto o bicarbonato e per togliere piccole muffe funziona anche l'acqua ossigenata.

Valassina 22: risponde il nostro esperto

Scopri il nostro nuovo appuntamento, Valassina 22: due volte al mese risponderemo ai tuoi dubbi. Come pulire al meglio la casa, evitando di spendere una fortuna? Il nostro esperto ti aiuta a scegliere i prodotti più adatti e ti svela qualche trucco.


Video Block


Stampa Invia