ultimo aggiornamento: 08/05/2019

Solare termico.

Buona sera al gruppo, siamo proprietari di un impianto fotovoltaico e vorremmo affiancare un impianto solare termico per la produzione di acqua sanitaria per 4 persone,  e desideriamo avere qualche suggerimento dai più esperti, in particolare:- disponiamo di circa 3 metri quadrati.- quanti pannelli e che tipo di pannelli ci consigliate ?- meglio la circolazione naturale o quella forzata ?- i tubi di collegamento tra caldaia e pannelli sono lunghi circa 20 metri.

Le eventuali risposte via mail  angelog.guglielmi@alice.it

Grazie per la disponibilità.   Angelo & Roberta.

Partecipa alla community!

  • Cerca chi ha avuto la tua stessa esperienza
  • Confrontati con chi ha il tuo stesso problema
  • Consiglia gli utenti che hanno bisogno di te
  • Condividi le soluzioni che hai adottato

Registrati gratuitamente al sito per partecipare

Entra o Registrati

Risposte

User name
Tiziano Mazzocchetti
29/09/2018

Salve, ha mai pensato ad un impianto termodinamico? La produzione di acqua calda sanitaria non dipende dall'esposizione del pannello al sole. Avrebbe acqua calda di giorno e di notte a 55 gradi centigradi. Basta che la temperatura esterna sia superiore a zero gradi. Cordiali saluti

User name
ELENA SPADARO
14/10/2018

Salve, io ho montato un solare termodinamico dell'ENERGIE e son 3 anni che funziona perfettamente; unica pecca è che, abitando in pianura Veneta, quei 10gg all'anno mi va in blocco di notte con temperatura a 0°C. Ho monitorato i consumi e sto sui 140€ in piu all'anno di energia elettrica ma a fronte di un risparmio sul consumo di GPL di circa 600€/annui (meno 140€ di energia elettrica) il risparmio reale si attesta sui 460€/annui. Investimento iniziale ammortizzato al 65% dopo 10 anni.L'impianto è collegato direttamente alla caldaia che preleva l'acqua dal boiler di 250litri a 40/45°C..A voi la scelta.

User name Moderator
Vittoria | Moderatore
08/05/2019

Ciao Angelo, ciao Roberta!
Gli impianti solari termici vengono solitamente progettati per coprire circa il 60-70% del fabbisogno annuale di acqua calda sanitaria di un’abitazione. Ad essere dovreste quindi associare una caldaia tradizionale (a gas, a pellet, a legna o elettrica..) per coprire quei bisogni che necessariamente rimarrebbero esclusi quando non c’è abbastanza irraggiamento solare. Per questo è importantissimo che venga fatta una progettazione su misura che tenga conto di tutte le vostre necessità.
Premesso questo, procedendo per punti, si possono suddividere le tipologie di pannelli principali in collettori piani e collettori sottovuoto. I primi sono più semplici ed economici, ma meno prestanti ed efficienti.
La stessa cosa si può dire della circolazione naturale rispetto a quella forzata. La prima è una soluzione più semplice ed economica, ma meno efficiente e in più ha un ingombro maggiore sul tetto dovuto alla presenza fisica del serbatoio/scambiatore subito sopra i pannelli. Un impianto a circolazione forzata ha ingombri molto piccoli sul tetto (con conseguente minor impatto estetico), ma necessita di serbatoio di accumulo/scambio all’interno dell’abitazione.

Nel caso si voglia avere delle prestazioni più spinte dal proprio impianto solare la scelta ricadrebbe quindi su pannelli sottovuoto in circolazione forzata, che a parità di superficie esposta disponibile, permettono di coprire fabbisogni più elevati di acqua calda aumentando i risparmi legati all’uso della caldaia ad essi accoppiata.
Come dicevamo, però, un impianto con pannelli sottovuoto a circolazione forzata è decisamente più complesso e costoso, principalmente per i componenti principali più tecnologici e numerosi (si pensi all’aggiunta della pompa di ricircolo dell’acqua e del serbatoio di accumulo/scambio più grande), ma anche per via dell’installazione più difficile e dei maggiori costi di manutenzione che accompagneranno la vita dell’impianto.
Ricordate però che il Conto Termico (incentivo per interventi di risparmio o di efficientamento nella produzione di energia termica) è ancora valido e permette un rientro più rapido nei costi di installazione di un impianto solare termico.

Ad ogni modo, le combinazioni sono molteplici e in caso di parziale copertura del fabbisogno, si può sempre ricorrere ad un maggiore uso della caldaia comunque accoppiata all’impianto.
Il consiglio è sempre quello di affidarsi a progettisti che, dopo un sopralluogo, sappiano dimensionare l’impianto giusto per la vostra casa.
Qui, inoltre, potete trovare i risultati dei nostri test:
www.altroconsumo.it/.../solare-termico
www.altroconsumo.it/.../scaldacqua-pompa-calore
Buona giornata!

comunità europea
Questo progetto ha ricevuto finanziamenti dal programma di ricerca e innovazione Horizon 2020 dell’Unione Europea nell’ambito della convenzione di sovvenzione n. 749402