Guida all'acquisto

Come scegliere l'asciugatrice

asciugatrice

Se abiti in una zona fredda e piovosa o se semplicemente non ti piace avere lo stendino per casa, l'asciugatrice potrebbe essere una scelta azzeccata. Anche se non mancano aspetti negativi, come l'impatto ambientale o l'aumento della bolletta. 

Le asciugatrici possono essere molto utili, soprattutto nei luoghi dal clima umido e piovoso o durante i mesi autunnali e invernali. Sebbene l'unico modo per far asciugare i panni a costo zero sia lo stendino, la cui convenienza non può essere sostituita, scegliere un’asciugatrice che possa fare al caso nostro senza impattare eccessivamente sulla bolletta e sull’ambiente è possibile. Esistono diversi modelli di asciugatrice? E come si usa?

Come funziona l'asciugatrice

Le asciugatrici si distinguono per la tecnologia utilizzata per produrre il calore necessario ad asciugare i tessuti ossia il riscaldamento dell'aria prelevata dall'esterno e la successiva ventilazione all'interno del cestello. Ci sono però due diversi modi in cui l'aria calda viene generata: il sistema resistenza elettrica e il sistema a pompa di calore.

Le asciugatrici che fanno uso di resistenza elettrica, ormai, sono rare sul mercato. Ma come funzionano quelle di pompa di calore? Vediamo le diverse tecnologie nel dettaglio.

Asciugatrici a resistenza elettrica

L’asciugatura avviene grazie al funzionamento combinato di una resistenza elettrica e di una ventola che diffonde in maniera omogenea il calore nel cesto dell’asciugatrice: dal punto di vista meccanico è una macchina molto semplice secondo cui l'aria, prelevata dall'esterno, viene fatta passare attraverso una resistenza elettrica molto calda e successivamente immessa nel cestello.

Dal punto di vista economico è certamente l’asciugatrice meno cara, in virtù della semplicità della tecnologia, ma i consumi energetici sono molto alti.

Asciugatrici a pompa di calore

Tecnologia più attuale, rispetto alla precedente si distingue perché l'aria calda viene generata da una pompa di calore interna alla macchina: soluzione notevolmente più complicata e quindi meno economica. Oltre alla vasca, il cuore pulsante del riscaldamento è formato da un circuito compressore con gas refrigerante e da un motore uguale a quello di un climatizzatore.

Sono gli unici modelli che possono arrivare alla classe energetica A: il consumo energetico di una pompa di calore è quindi notevolmente inferiore rispetto al consumo di un'asciugatrice a resistenza elettrica.

Evacuazione dell’umidità estratta

In base al loro principio di evacuazione dell’acqua di condensa le asciugatrici, dal modello, si distinguono in due tipi, ovvero a condensazione o a evacuazione, anche se queste ultime sono ormai rare. Il sistema a condensazione, che questa volta non si riferisce al riscaldamento, consiste nel condensare l’acqua estratta dai tessuti e raccoglierla in un serbatoio interno che deve essere periodicamente svuotato e pulito.

Il sistema ad evacuazione, che rimane su alcuni modelli come alternativa aggiuntiva anche se di base è presente il condensatore per raccogliere l’acqua, elimina direttamente l’acqua attraverso un tubo di scarico: c’è un tubo esattamente come quello di scarico della lavatrice, che in questo caso non scarica l’acqua del lavaggio, ma quella estratta dell’asciugatura.

Dimensioni dell'asciugatrice

Quali sono le dimensioni standard di un’asciugatrice? Tutte le asciugatrici sono con carica frontale, alte circa 85 cm, larghe 60 cm e profonde circa 60 cm (ad eccezione di alcuni modelli Candy e Hoover profondi 46 cm) misure del tutto simili a quelle di una lavatrice standard.

Capacità di carico

Nel momento in cui si acquista un’asciugatrice, si deve necessariamente tenere presente anche la capacità di carico: mediamente, le asciugatrici attualmente sul mercato, hanno una capacità di carico che va da 7 a 9 kg fino ad arrivare ad una capacità massima di carico di 11 kg.

Dannose per l'ambiente e rumorose

Se non pensiamo solo al portafoglio, ma ci appelliamo al nostro spirito ambientalista, le perplessità crescono. Il consumo energetico della macchina ovviamente si traduce in emissioni inquinanti, ma ormai quasi tutti i modelli sono di classe A, perché a pompa di calore, quindi non più così energivori da rendere sconsigliato questo prodotto.

 

Dove comprare la l'asciugatrice nuova

Dopo aver valutato con attenzione tutti gli elementi, si può quindi procedere all’acquisto. Dove acquistare la miglior asciugatrice per le nostre esigenze? Consulta il nostro test per orientarti al meglio nella scelta.

IL NOSTRO TEST SULLE ASCIUGATRICI

 

Domande frequenti

Dove posizionare l'asciugatrice?

Il normale ambiente domestico è idoneo per poter collocare tranquillamente un’asciugatrice: l’importante è che ci sia un adeguato ricambio d’aria, nel caso in cui ci dovesse essere un surriscaldamento dell’apparecchio.

Meglio un'asciugatrice o una lavasciuga?
Sarebbe meglio avere due dispositivi separati: le prestazioni sono migliori e si risparmia sul lungo periodo. Tutto sta nell’avere in casa lo spazio necessario per ospitare due elettrodomestici. Guarda il nostro speciale sulle lavasciuga
Quanto consuma una asciugatrice?
Anche per le asciugatrici, l'efficienza energetica dei vari modelli viene suddivisa in classi anche se ormai praticamente tutti i modelli sono di classe A e a pompa di calore e, di conseguenza, meno energivori.
Cosa non mettere in asciugatrice?
Generalmente sulle etichette ci sono simboli che consigliano di non mettere determinati capi in asciugatrice: ci sono infatti alcuni tessuti che rispetto ad altri si danneggerebbero. Tra questi figurano certamente pile, seta, raso e lino, mentre altri tessuti (lana, piuma, costumi da bagno, capi con strass) possono essere messi in asciugatrice ma con cautela.
Come asciugare i piumini nell’asciugatrice?
Dopo aver centrifugato bene i capi in lavatrice, selezionare il programma adatto all’asciugatura dei piumini controllando che il cestello non sia colmo: il piumino, lavato in lavatrice, deve avere infatti lo spazio necessario perché possa ritrovare il naturale rigonfiamento dell’imbottitura asciugandosi.