News

Installare il condizionatore

01 giugno 2013
 il condizionatore

01 giugno 2013

In questi ultimi anni, le estati roventi e gli alti livelli di umidità delle nostre città si sono tradotti in un boom di vendite di climatizzatori di ogni tipo. Alle pareti dei palazzi sono così comparsi motori, prese d’aria e canalette di scolo delle acque di condensa. E come corollario sono esplose le liti tra condomini su dove posizionare l’impianto, sulla direzione dei getti d’aria calda e sul rumore delle ventole.

Condizionatori in condominio: i limiti
Se avete intenzione di installare un condizionatore nel vostro appartamento, il primo passo da fare è informarsi nel vostro Comune, per verificare se ci sono divieti o limiti rispetto all’installazione. Le zone dove è più facile che esistano sono i centri storici e le aree di particolare interesse artistico, dove  un motore appiccicato alla facciata può deturpare l’estetica dell’intero palazzo.

Installare un condizionatore: coinvolgere i condomini
Se volete montare un impianto di condizionamento nel vostro appartamento, dovete mettere al corrente della cosa l’amministratore e l’assemblea condominiale. Quest’ultima non deve concedere alcuna autorizzazione, ma in ogni caso è buona norma coinvolgere i vicini nella questione, per evitare l’insorgere di future possibili liti. In questo senso, l’amministratore può dare una mano,  soprattutto perché si può valutare insieme a lui la soluzione tecnica che consente di minimizzare l’impatto sulle parti comuni dell’edificio.
La norma da seguire in questo caso è l’articolo 1120 del Codice civile, in base alla quale è data possibilità al condomino di  usare le parti comuni, purché non ne impedisca l’utilizzo agli altri, e paghi l’opera a sue spese.

 


Stampa Invia