Come testiamo

Forni a microonde: come testiamo


Sicurezza elettrica e perdite di microonde

Prima di iniziare il test si verifica che gli apparecchi non abbiano “perdite” di microonde, passando un rilevatore idoneo su tutte le superfici esterne, ad eccezione della base, e con particolare attenzione allo sportello, alle chiusure porta/apparecchio, vetro, pannello di controllo, aperture di ventilazione. Tutte le misure sono effettuale alla distanza massimo di 5 cm dall’apparecchio come previsto dalla normativa vigente (EN60 335-2-25 ).

Dimensioni

Oltre alle dimensioni esterne sono misurate quelle interne utilizzabili per la cottura, come ad esempio quelle del volume del cilindro massimo che si può fare ruotare con il piatto girevole o l’altezza utile sfruttabile.

Performance

Vengono valutati diversi programmi automatici e semiautomatici: scongelamento, riscaldamento, cottura, cottura combinata, grill, cottura ventilata (a seconda della tipologia del forno). In particolare si misura la temperatura in diversi punti (mediante termocoppie distribuite in modo omogeneo all’interno del cibo) per valutarne l’omogeneità e vengono registrati i tempi necessari ad ottenere un risultato apprezzabile con diverse tipologie di alimenti.

Scongelamento

Abbiamo messo in forno un blocco surgelato di carne macinata da 0,5 Kg e al termine del programma abbiamo controllato la temperatura interna in nove punti diversi.

Riscaldamento

È stata valutata l’uniformità di temperatura del contenuto di un piatto con vari tipi di alimenti (tenuto precedentemente per dodici ore a 6° C, come in frigorifero) riscaldato con il microonde.

Prova di scongelamento e cottura

Per questa prova è stata cucinata una porzione di lasagne congelata a -20°C. Per ogni apparecchio sono state seguite le indicazioni fornite dai produttori su tempi e temperature; se assenti, il settaggio è stato predisposto dai tecnici. Il giudizio è stato dato valutando proprietà come aspetto, il colore , l'omogeneità di cottura.

Prova di cottura con il grill e convezione

Viene valutata la superficie effettiva di azione del grill e l’efficacia della cottura di un pollo di circa 1.2 kg, utilizzando la combinazione di microonde e grill. Per i forni che ne sono provvisti, la cottura a convezione è testata per preparare dei biscotti.

Consumi

Viene misurato il consumo elettrico del forno e calcolata l’efficienza rispetto alla potenza in ingresso (misurata in diverse modalità: massima, funzione grill attivata, stand by...).

Facilità d’uso

Gli esperti valutano la facilità di utilizzare il forno a microonde, inserire i piatti, selezionare i programmi, controllare la cottura, come pulire l’elettrodomestico. Inoltre vengono valutate l’utilità e la comodità di funzioni specifiche (timer, blocco rotazione…).

Sicurezza termica

Vengono misurate le temperature superficiali all’esterno del forno durante  l’utilizzo (in particolare con la il grill acceso o dopo aver impostato la cottura con aria calda ventilata) secondo la norma ISO 13732 e lo standard 60335-2-25  in modo da individuare se durante l’utilizzo alcune parti si surriscaldano troppo (maniglia, vetro, superfici superiore e laterali...) e se quindi potrebbero causare bruciature se toccate.

Rumore

Viene valutato il rumore dell’apparecchio durante diverse fasi di accensione e spegnimento del magnetron che produce le microonde, sia con una misurazione strumentale sia da un gruppo di esperti che valutano anche quanto sia fastidioso lo specifico rumore (a prescindere dalla sua intensità).