Come testiamo

Come testiamo i detersivi per lavastoviglie

25 marzo 2020
detersivo lavastoviglie

Per testare i detersivi per lavastoviglie ci siamo concentrati soprattutto sull'efficacia di lavaggio (abbiamo usato diversi tipi di sporco), l'asciugatura, la brillantezza e l'impatto ambientale.

Testiamo prodotti standard e "tutto in uno": gel liquidi, tabs, e caps.

scopri qual è il miglior detersivo per lavastoviglie 

L'efficacia del lavaggio è stata valutata con diverse prove. Abbiamo testato anche l'impatto ambientale di questi prodotti.

  • Sporco proteico (uovo): in laboratorio abbiamo pesato, prima e dopo il lavaggio, i piatti ricoperti di tuorlo d'uovo, in modo da calcolare con precisione la percentuale di rimozione dello sporco.
  • Sporco ossidabile (tè): abbiamo usato la dose consigliata dai produttori e una durezza dell'acqua standard (35° francesi). I detersivi con giudizio pessimo non rimuovono più del 20% di questo tipo di sporco.
  • Sporco ostinato (latte): per questa prova abbiamo utilizzato incrostazioni di latte bollito, uno sporco difficile da eliminare.
  • Sporco di amido (pasta): questo tipo di sporco richiede specifici enzimi per la rimozione e alcuni prodotti semplicemente non ne hanno, quindi saranno meno efficaci in questa prova. Gli enzimi perdono efficacia con il tempo, per questo è meglio non fare grandi scorte di questi detersivi.
  • Asciugatura: questa prova, legata all'azione del brillantante, è il punto debole per molti prodotti. In laboratorio abbiamo verificato la presenza di residui di acqua al termine del lavaggio.
  • Brillantezza: si tratta del grado di brillantezza totale delle stoviglie dopo il lavaggio, tenendo conto anche delle eventuali tracce di calcare che si può depositare. I prodotti in gel generalmente hanno buoni risultati in base a questo parametro, ma si trovano casi positivi anche tra le tabs. Con un buon prodotto tutto-in-uno si può tranquillamente fare a meno di mettere il brillantante in lavastoviglie.
  • Impatto ambientale: nel test abbiamo verificato due aspetti, l'imballaggio (che non dovrebbe causare sprechi di spazio e materiale) e gli ingredienti (alcuni - come i profumi - sono molto inquinanti e non fondamentali; altre sostanze molto tossiche, potrebbero essere sostituite con ingredienti meno pericolosi).