Guida all'acquisto

Come scegliere il detersivo per la lavastoviglie

25 marzo 2020
detersivo lavastoviglie

Per scegliere un detersivo per la lavastoviglie efficace è importante sapere quale formato scegliere: tabs, capsule liquide, gel o detersivi in polvere? Standard o tutto-in-uno? Dai nostri test uno è risultato migliore rispetto agli altri. Scopri qual è.

I detersivi per lavastoviglie più diffusi si presentano sotto forma di tabs (pastiglie), capsule liquide e gel. Sempre più appetibili, inoltre, sono i prodotti tutto in uno, che contengono in un'unica soluzione detersivo, brillantante e sale. Quale scegliere quindi?

consulta il test sui detersivi per lavastoviglie

Tabs più efficaci dei gel

Nonostante molti siano più affezionati alle formulazioni liquide o in gel, i prodotti in tabs (compresse di polvere) e caps (compresse liquide o miste liquido/polvere) sono sempre più diffuse sugli scaffali. Con il tempo le tabs sono diventate sempre più efficaci nella rimozione dello sporco e hanno via via rimediato ai difetti iniziali come la difficoltà di sciogliersi e la buona riuscita della fase di asciugatura.

Tutto-in-uno: funziona

Migliorano anche le formulazioni “tutto-in-uno” quelle cioè che non richiedono l’aggiunta di sale e brillantante in lavastoviglie, perché contengono già queste funzioni nella loro formulazione. Se i risultati del lavaggio non sono soddisfacenti, si può comunque aggiungere il brillantante (impostando dosaggio minimo) per avere stoviglie più brillanti e non farà male usare anche il sale, se l’acqua di casa è molto dura (>38°f).

Per rispettare l'ambiente

In qualsiasi formato si presentino, i detersivi per lavastoviglie non possono essere certo considerati "verdi". Da un lato c'è l'imballaggio in cui spesso c'è uno spreco di materiale e spazio. Gli imballaggi più leggeri sono le buste morbide delle caps: peccato, però, che il film idrosolubile che le avvolge si dissolva solo parzialmente, finendo nelle acque di scarico. Anche gli ingredienti dei detersivi non sono sostanze innocue: i profumi, come il limone e hexyl cinnamal - che potrebbero essere evitati perché in realtà non servono - sono molto tossici per il mondo acquatico. Allo stesso modo, ingredienti molto inquinanti come i policarbossilati e i fosfati - usati per neutralizzare il calcare dell'acqua di lavaggio - potrebbero essere sostituiti con elementi meno nocivi come i citrati, che assolverebbero altrettanto bene al loro compito, ma rispettando l'ambiente.

Per risparmiare

Ecco alcuni accorgimenti da seguire per risparmiare con i lavaggi della lavastoviglie:

  • fai funzionare la lavastoviglie sempre quando è a pieno carico, ottimizzando così l'uso di acqua ed elettricità;
  • seleziona il programma economico: dura di più, ma consuma meno acqua e meno energia;
  • pulisci il filtro;
  • prima di mettere piatti e pentole in lavastoviglie, elimina i residui con uno spazzolino e tieni un po’ in ammollo lo sporco incrostato.

Stampa Invia