Guida all'acquisto

Ferri da stiro: guida all'acquisto


È meglio un ferro con o senza caldaia? Innanzitutto è bene distinguere i due prodotti:

  • ferri da stiro tradizionali: è compatto, maneggevole e utile per un utilizzo rapido se non hai molti abiti da stirare. 
  • ferri da stiro con generatori di vapore: producono più vapore e con più costanza, oltre a essere più comodi se devi stirare molto. Puoi trovare modelli a riempimento continuo, ovvero puoi riempire il serbatoio anche mentre stiri, e quelli a chiusura ermetica, cioè quelli in cui puoi inserire l'acqua nella vasca esterna soltanto a ferro spento.

Quale scegliere?

Rispetto a un ferro da stiro classico, quello con caldaia genera più vapore e ha una maggiore autonomia durante la stiratura, ma è utile solo se hai molta biancheria da stirare.

La biancheria sulla bilancia

Non si tratta di una questione da poco. Un ferro da stiro con caldaia permette a chi stira una maggiore autonomia: fino a un litro d’acqua contro i 300 ml circa di un ferro classico. Inoltre il flusso di vapore è maggiore, cosa che facilita la stiratura. Più si stira, quindi, più si apprezzano questi vantaggi.

Attenzione al portafoglio

Non sottovalutare, oltre alla spesa iniziale, anche il costo dell’uso sulla bolletta dell’energia elettrica, che dipende dalla propria offerta luce. Il prezzo di un ferro con caldaia è in media 100 euro più alto rispetto a un ferro classico.

Spazio nel ripostiglio 

Potrebbe sembrare una questione un po’ futile, ma non è così. I ferri da stiro con caldaia sono ingombranti e bisogna avere uno spazio apposito per riporli. Conviene, quindi, acquistarli solo se c'è una reale necessità.