Guida all'acquisto

Come scegliere il frullatore a immersione

2frullatore800x450

I frullatori a immersione possono essere molto utili in cucina. Ecco come puoi scegliere il più adatto alle tue esigenze.

I frullatori a immersione sono preziosi alleati in cucina: possono essere usati, infatti, sia per realizzare piatti semplici che per preparare ingredienti per ricette più complicate. Le forme e le dimensioni sono varie così come i prezzi. Per un frullatore base, di dimensioni ridotte e senza accessori, si possono spendere anche solo dieci euro. Per quelli multifunzione, invece, il costo sale. Per questo abbiamo differenziato i frullatori a immersione in due categorie: quelli base e quelli accessoriati con frusta.

Cosa si può fare con il frullatore a immersione

I modelli base di frullatori a immersione sono ideali per:

  • Preparare frullati e minestre.
  • Tritare piccole quantità di cibo (come prezzemolo, noci o mandorle).
  • Omogeneizzare.

I modelli più accessoriati, invece, possono arrivare anche a:

  • Grattugiare.
  • Affettare e sminuzzare ingredienti duri o delicati con il tritatutto e la lama affettatrice.
  • Montare panna e albumi con la frusta.

Il frullatore a immersione nella versione base, solitamente più pratico e maneggevole, è adatto soprattutto per chi ha poco spazio a disposizione in cucina. Quelli con frusta e accessori per triturare, impastare e affettare sono più ingombranti, ma anche più versatili. Alcuni modelli funzionano con un solo contenitore, altri ne hanno diversi a seconda della tipologia di cibi trattati. È utile, poi, avere fruste e accessori che, una volta utilizzati, si possono staccare e mettere in lavastoviglie. Qualsiasi opzione verrà scelta, l’importante è controllare che l’elettrodomestico abbia la funzione per regolare la velocità: non tutti gli alimenti, infatti, possono essere trattati nello stesso modo.

Fattori da considerare per l'acquisto del frullatore a immersione

Prima di acquistare un frullatore a immersione, che sia un modello base o uno accessoriato, è bene prestare attenzione ad alcuni fattori che possono aiutarti nella scelta. Vediamo i principali.

Potenza del motore

La potenza è un elemento molto importante perché un numero alto di watt permette al motore di non andare in surriscaldamento. Sebbene ci siano modelli che lavorano meglio pur avendo un wattaggio più basso, è bene orientarsi su frullatori a immersione che contano almeno 400 Watt, il minimo indispensabile soprattutto per gli apparecchi più accessoriati.

Velocità

Altro fattore importante da considerare è la velocità: di solito i frullatori a immersione hanno due velocità, una media e una alta ma ci sono alcuni apparecchi dotati della velocità turbo che consente di sminuzzare agevolmente anche gli alimenti più duri.

Facilità d'uso e manutenzione

Maneggevolezza e semplicità nell’utilizzo sono elementi determinanti nella scelta del frullatore a immersione ideale: il manico dovrà quindi essere ergonomico e antiscivolo e il funzionamento intuitivo. Altro aspetto da non sottovalutare è la manutenzione: prima dell’acquisto valuta sempre la praticità del frullatore a immersione anche nella sua pulizia.

Lunghezza del cavo

La parola d’ordine è versatilità occupando uno spazio minimo e questo tipo di piccolo elettrodomestico sembra rispondere perfettamente a queste caratteristiche. Da valutare attentamente è inoltre la lunghezza del cavo che deve consentire di poter utilizzare agevolmente il frullatore a immersione senza pericoli o intoppi. Sul mercato esistono anche modelli a batterie ricaricabili e senza fili, perfetti proprio per la maggiore versatilità.

Accessori

La quantità e la qualità degli accessori dipendono dal modello ma anche dal vostro grado di preparazione in cucina: se siete cuochi esperti un numero maggiore di accessori è ciò che fa per voi. Dal tritatutto alle fruste, dalle lame affettatrici allo schiacciapatate per preparare deliziosi gnocchi o purè, il frullatore a immersione sembra raggiungere le performances di un robot da cucina. Un altro grosso vantaggio è che gli accessori possono essere lavati in lavastoviglie con un grosso risparmio di tempo. Verifica sempre questa possibilità prima dell’acquisto.

Dove comprare il frullatore?

Ora che hai tutte le informazioni necessarie e hai risolto tutti i tuoi dubbi non devi fare altro che procedere nell’acquisto del frullatore a immersione che fa per te. E se vuoi approfondire ulteriormente guarda i risultati del nostro test di laboratorio.

 

SCOPRI I RISULTATI DEL TEST

 

Domande frequenti

Si può tritare il ghiaccio con il frullatore?

Per tritare il ghiaccio col frullatore ad immersione accessoriato puoi usare il “tritatutto” oppure, nella versione base, le lame metalliche fisse. In alternativa puoi usare il boccale con le lame del robot da cucina.

L’unica accortezza è inserire una manciata di cubetti per volta, per avere ghiaccio più omogeneo e per non dover far andare l’apparecchio troppo a lungo.

Si può fare la maionese con il frullatore?

La maionese non è così facile da fare come sembra, nonostante siano pochi ingredienti e il procedimento sia semplice: se non si ha l’attrezzo giusto, “impazzisce”. Non tutti i frullatori sono adatti, come dimostrano le nostre prove: in genere, per questa preparazione, i robot da cucina hanno risultati migliori.

Come pulire il frullatore a immersione?

I modelli base sono estremamente facili da pulire, ma bisogna fare attenzione alle lame che sono molto taglienti: si sciacquano a mano con una spugnetta e detersivo per piatti, meglio subito dopo l’uso e non vanno mai passati sotto l’acqua corrente.

Nei modelli accessoriati bisogna verificare se gli accessori possono andare in lavastoviglie. Poi vanno asciugati molto bene prima di riporli per evitare che prendano un cattivo odore.