Dossier
Le regole d'oro

Ecco a cosa prestare attenzione

Articoli

  • Articolo
    Attenti alla posta elettronica 6 mesi fa - giovedì 16 marzo 2017
    Il termine phishing deriva una storpiatura del verbo inglese fishing, in italiano pescare. Si tratta di un’attività truffaldina che avviene tramite posta elettronica e con cui i malintenzionati cercano con l’inganno di farvi “abboccare”, appunto, alle loro proposte e sgraffignarvi dati anagrafici, di carta di credito e di accesso a vostri conti correnti online.

    Il termine phishing deriva una storpiatura del verbo inglese fishing, in italiano pescare. Si tratta di un’attività truffaldina che avviene tramite posta elettronica e con cui i malintenzionati cercano con l’inganno di farvi “abboccare”, appunto, alle loro proposte e sgraffignarvi dati anagrafici, di carta di credito e di accesso a vostri conti correnti online.

    I truffatori inviano delle mail molto curate nella grafica che sembrano proprio provenire dalla vostra banca. Nel testo solitamente vi si informa che vi sono problemi col conto corrente, o che dovete cambiare il codice d’accesso o che si sono verificati grossi spostamenti di denaro sul conto e vi si invita quindi a cliccare su un particolare indirizzo (link, in inglese) per controllare e risolvere tali problemi.

    Il link fornito rimanda a un sito del tutto simile a quello della vostra banca, ma costruito ad hoc dai truffatori: questi ultimi possono così registrare le vostre informazioni personali (password e codici d’accesso) e utilizzarle poi sul vero sito internet della vostra banca per svuotare il vostro conto.

    Le forme e le tipologie di phishing diventano sempre più subdole, raffinate e quindi pericolose. Anche un nostro lettore, che ringraziamo per la segnalazione, è stato vittima di un tentativo di truffa di questo tipo. Ha ricevuto una mail dall’indirizzo citibank@bounce.kiwari.com in cui un truffatore, spacciandosi appunto per la banca Citibank, invitava il lettore a compilare e inviare un modulo per il ricevimento della carta di credito Citibank Visa Gold.

    È ovviamente un altro metodo per sgraffignare dati personali e accedere ai vostri conti correnti. Come lo sappiamo? Semplice: qualsiasi banca non vi invierà mai mail chiedendovi di aggiornare i vostri dati anagrafici, i vostri codici segreti, il vostro numero di carta credito o di scaricare particolari programmi per la sicurezza o di inviare moduli e documenti.

    Il modo migliore per difendersi dal phishing è quindi quello di cancellare immediatamente il messaggio sospetto senza mai rispondere, cliccare su link o scaricare programmi allegati.

    condividi questo articolo

  • Articolo
    Assicuratori e polizze vita 6 mesi fa - giovedì 16 marzo 2017
    Un’altra forma di investimento molto diffusa in Italia, anche grazie agli incentivi di tipo fiscale che l’accompagnano, sono le polizze vita.

    Un’altra forma di investimento molto diffusa in Italia, anche grazie agli incentivi di tipo fiscale che l’accompagnano, sono le polizze vita. Per questi prodotti i problemi sono maggiori in quanto teoricamente, chiunque può vendere polizze vita, o meglio, il contratto può essere firmato solo da un agente o da un broker autorizzato, ma questi possono avvalersi della collaborazione di soggetti terzi (c.d. Produttori assicurativi) e del cui operato sono responsabili.

    Queste sono le cose a cui prestare attenzione quando vi viene proposta la sottoscrizione di una polizza vita:

    • Se viene proposta da un promotore finanziario, valgono le stesse regola descritte sopra.

    • Se la proposta vi viene fatta direttamente da un agente (o da un broker autorizzato), chiamate la direzione generale della compagnia che dichiara di rappresentare e cercate di ottenere più informazioni possibili su di lui: chiedete se conoscono quell’agente, se non ha mai causato problemi ecc...

    • Se la polizza vi viene presentata da un produttore o da altri rappresentanti chiedete chi è l’agente che li ha incaricati di vendere le polizze e mettetevi in contatto con lui, cercando informazioni sui suoi rappresentanti. Quindi chiamate anche la compagnia per informarvi su quell’agente.

    • Telefonate all’Ivass, l’ente pubblico che ha il compito di controllare l’attività delle compagnie assicurative. Questa struttura rilascia le autorizzazioni per vendere le polizze, quindi si può sapere se la compagnia è autorizzata alla vendita in Italia o meno. Se l’Ivass non conosce la compagnia NON versate un soldo.

    • Per chi cambia idea c'è sempre il diritto di recesso. Il termine è di 30 giorni dalla data di sottoscrizione della polizza.

    • L’unico obbligo a cui è sottoposto chi vende polizze vita è quello di consegnare la nota informativa, cioè un documento che riporta tutto quello che riguarda quella polizza: durata, rendimenti ipotizzati, coperture previste, condizioni per cui si potrebbe perdere il diritto alle coperture previste, caricamenti (cioè le spese) e così via. Se il venditore non vi consegna questa nota NON versate una lira.

    • Anche gli agenti e i venditori devono essere iscritti nei rispettivi albi, che se sono tenuti dall’Ivass, quindi potete rivolgervi a questo istituto anche per chiedere informazioni su di loro.

    Gli indirizzi che potrebbero esservi utili in caso di reclamo sono:

    • Ivass - Contact Center Consumatori (Tel. 800-486661, Internet: www.ivass.it).

    condividi questo articolo

  • Articolo
    Gli investimenti ad alto rischio 6 mesi fa - giovedì 16 marzo 2017
    I prodotti derivati, come opzioni, futures o warrant: sono strumenti ad altissimo rischio e chi vi propone di investire la maggior parte del vostro portafoglio in strumenti di questo tipo è quasi sicuramente qualcuno che sta cercando di guadagnare sulla vostra pelle.

    I prodotti derivati, come opzioni, futures o warrant: sono strumenti ad altissimo rischio e chi vi propone di investire la maggior parte del vostro portafoglio in strumenti di questo tipo è quasi sicuramente qualcuno che sta cercando di guadagnare sulla vostra pelle.

    Le materie prime, diffidate di chi vi propone di investire in contratti a termine, come quelli regolarmente scambiati al mercato di Chicago, su prodotti agroalimentari o metalli. Operazioni di questo tipo sono molto rischiose, i prezzi oltre che dalle normali speculazioni, possono venire influenzati anche da eventi esterni, come quelli metereologici o naturali. Mercati di questo tipo sono fortemente sconsigliati ai normali investitori.

    Investimenti in natura. Vi viene cioè offerta la possibilità di acquistare un immobile, una piantagione, una nave e relativo carico, qualche metro quadro di terra dall’altra parte del mondo. In questo caso oltre ai rischi tipici dei normali investimenti in titoli bisogna affrontare anche altri rischi, molto meno individuabili: ad esempio chi conosce il mercato del tek o delle banane, se ci viene proposta una piantagione? Come facciamo a conoscere il reale stato dell’immobile che ci viene offerto? Infine, ma altrettanto importante, i beni in natura sono sempre più difficili da vendere rispetto ai titoli quotati sui mercati regolamentati.

     

    condividi questo articolo

  • Articolo
    Cose da non fare mai 6 mesi fa - mercoledì 15 marzo 2017
    Non avere fretta.

    • Avere fretta. Non fatevi mettere sotto pressione da frasi come " ... è l’occasione della sua vita", " ... sono rimasti pochissimi titoli a sua disposizione" e così via. Prendete tutto il tempo che vi serve per analizzare la proposta sin nei minimi dettagli.

       

       

    • Non consegnate mai denaro contante a chi propone l’investimento.

       

       

    • Firmare documenti senza averli letti con attenzione. Potreste perfino autorizzare la controparte a prosciugare il vostro conto corrente.

       

       

    • Versare denaro su un conto che non sia quello della società autorizzata. Soprattutto se è intestato alla persona che vi sta proponendo l’investimento.

       

       

    • Accettare documenti anonimi. Esigete che le ricevute, i contratti, gli estratti conto, le schede che comprovino l’avvenuta operazione e tutta l’altra documentazione relativa a questo avvenimento siano stampati su carta intestata della società. Richiedete sempre l’originale dei documenti, non accontentatevi di fax o fotocopie. Fate anche moltissima attenzione a chi propone documenti in lingua straniera. Il prospetto, per ottenere l’autorizzazione dalla Consob deve essere scritto in italiano.

       

       

    • Sorvolare su errori o negligenze. Se le operazioni non vengono svolte come indicato sul prospetto e la controparte non è in grado di giustificarsi fatevi prendere dai dubbi: può essere un piccolo segnale che le cose non stanno andando come dovrebbero.

       

    condividi questo articolo

  • Articolo
    Come scoprire i pericoli che si nascondono dietro una proposta di investimento 6 mesi fa - mercoledì 15 marzo 2017

       Diffidate di chi non vi da tregua.    

    • Diffidate di chi non vi da tregua. Frasi del tipo "se non concludiamo in fretta l'affare sfuma", "la quotazione sta salendo vertiginosamente, se non compra ora può essere troppo tardi" o ancora "abbiamo solo pochi titoli a disposizione, se decide subito sono ancora in grado di garantirle un buon prezzo" fanno parte del classico repertorio piratesco: quando le sentite pronunciare deve scattare l'allarme rosso.

       

       

    • Immancabilmente le società in cui propongono d'investire "stanno per essere quotate" o sono già quotate su un mercato Otc (over the counter), cioè un mercato quasi del tutto privo di regole e garanzie per gli investitori e contraddistinto da una bassissima liquidità che rende estremamente semplice la manipolazione delle quotazioni.

       

       

    • Molto spesso le società di cui si propone l’acquisto dei titoli stanno per commercializzare un nuovo prodotto, rivoluzionario, che pemetterà a questa azienda di diventare, per anni e anni, leader di mercato.

       

       

    • Uno degli espedienti più utilizzati per indurre i risparmiatori a effettuare versamenti su un conto domiciliato in un Paese extra-europeo consiste nel fargli capire che in questo modo i "favolosi" guadagni che conseguirà saranno al riparo dagli artigli del fisco. Guardatevi bene dal dare retta a questi suggerimenti: l'unica certezza è che non avrete più nessun controllo sul vostro capitale né avrete alcuna protezione nel caso - assai frequente - in cui il malandrino scappa con la cassa.

       

       

    • Per invogliare qualcuno a investire in una società non c'è nulla di meglio che inviargli una bella newsletter su carta patinata. L'aspetto del giornale rende automaticamente più credibili e autorevoli le informazioni contenute. Naturalmente si tratta di un'informazione a senso unico, tesa unicamente a decantare le potenzialità di crescita della società per spingervi ad acqustare le azioni. Le newsletter che vengono inviate a questo scopo sono praticamente dei "fogli" anonimi: non si sa quando sono state scritte e da chi, dove vengono stampate, da chi sono edite. Le fonti delle informazioni e dei dati sono spesso altrettanto anonime: qual è l'analista che asserisce ad esempio che "gli utili sono destinati a crescere al ritmo del 50% l'anno" e per quale società lavora? Se ricevete una newsletter di questo genere fate molta attenzione: è probabile che il mittente sia un malandrino.

       

       

    • Ricordate il caso Grimaldi-Hoffman? Chi si organizza in grande stile per turlupinare i risparmiatori non trascura neanche i dettagli. Figurarsi se commette l'errore di avere sede e conti correnti bancari nello stesso Paese: per mettersi al riparo da ogni possibile azione legale i malandrini hanno generalmente uffici di rappresentanza in un Paese diverso da quello in cui sollecitano i riasparmiatori a investire (Spagna, Olanda, Lussemburgo...), propongono investimenti in società di altri Paesi ancora e si fanno accreditare i quattrini su conti correnti aperti in paradisi fiscali (Bahamas, Isole del Canale...) o comunque al di fuori dell'Unione Monetaria o degli Stati Uniti (Hong Kong, Malesia, Svizzera...).

       

       

    • In alcuni casi i trucchi utilizzati per spillare denaro ai risparmiatori sono molto più sottili: ad esempio l’investimento propostovi viene realizzato veramente, ma in più volte, permettendo così al malintenzionato di incassare sostanziose commissioni ad ogni operazione. Quindi controllate attentamente il numero di operazioni che l’intermediario sta facendo: se è elevato o se le operazioni sono sempre quelle - ad esempio un acquisto di 1.000 titoli viene suddiviso in 5, 6 o ancora più operazioni - vuole che l’intermediario sta guadagnando ... alle vostre spalle.

       

    condividi questo articolo

  • Articolo
    L'investimento che vi viene proposto è coerente con la vostra strategia di investimento? 6 mesi fa - mercoledì 15 marzo 2017
    Se voi avete già, ben chiaro in testa, il vostro portafoglio ideale sarete sicuramente meno influenzabili da chi propone investimenti di questo tipo.

    Se voi avete già, ben chiaro in testa, il vostro portafoglio ideale sarete sicuramente meno influenzabili da chi propone investimenti di questo tipo. Sarete in grado di prendere tempo per studiare più attentamente l’offerta che vi viene fatta. Se invece non avete ancora deciso come investire i vostri risparmi, tutte le offerte che riceverete vi sembreranno la soluzione ideale.

    condividi questo articolo

  • Articolo
    In cosa sto investendo? Quali sono i rischi? 6 mesi fa - mercoledì 15 marzo 2017

    Per conoscere sin nei minimi dettagli l’investimento che vi viene proposto, con i relativi rischi seguite questi consigli.

    Per conoscere sin nei minimi dettagli l’investimento che vi viene proposto, con i relativi rischi seguite questi consigli:

    Fatevi sempre consegnare tutta la documentazione scritta possibile riguardo questo investimento: bilanci annuali, relazioni periodiche, prospetti informativi .Quali sono i costi legati a questi investimento: alla sottoscrizione, alla vendita o alla scadenza, in caso di rimborso anticipato, per la gestione dei titoli, se ci sono spese legate al rendimento ...

    Chi gestisce l’investimento?

    In che cosa vengono investiti i miei soldi: azioni, obbligazioni, materie prime, immobili o altro? Quali sono i rischi legati a questo investimento: fallimento dell’emittente, rischio paese o altro?

    L’investimento ha una scadenza precisa o posso uscire in qualunque momento

    Qual è il rendimento previsto per un investimento del genere? qual è la durata ideale?

    Comunque, dopo che avrete ottenuto le risposte a queste domande non accontentatevi. Qualunque titubanza nel fornirvi queste informazioni deve mettervi in guardia. Cercate di ottenere informazioni anche da soggetti diversi da quello che propone l’investimento: la vostra banca, stampa specializzata, Internet ... soprattutto se la forma di investimento non è tra quelle abituali: ad esempio materie prime o derivati ...

    condividi questo articolo

  • Articolo
    Chi propone l'investimento è stato autorizzato dalla Consob? 6 mesi fa - mercoledì 15 marzo 2017
    Tutte le società di intermediazione mobiliare e di raccolta del pubblico risparmio operanti in Italia devono essere state autorizzate dalla Consob, che ne controlla anche l’attività.

    Tutte le società di intermediazione mobiliare e di raccolta del pubblico risparmio operanti in Italia devono essere state autorizzate dalla Consob, che ne controlla anche l’attività. Le società straniere, ma con sede legale nella UE, devono avere il permesso della loro commissione nazionale e prima di operare in Italia devono avvertire questa commissione che provvede ad informare la Consob. Le società con sede extra-UE devono invece stabilire una sede legale in uno dei paesi UE e poi seguire la normale trafila.

    La Consob (e le altre organizzazioni similari) devono vigliare in modo che:

    • la società sia finanziariamente solida;

       

       

    • i suoi dirigenti abbiano gli adeguati requisiti legali e penali;

       

       

    • sia in grado di ben operare sul mercato;

       

       

    • abbia una struttura interna in grado di scoprire preventivamente eventuali frodi.

       

    La Consob non conosce questa società:

    • Perchè non è stata autorizzata da nessuna organizzazione, nè in Europa nè nel resto del mondo: NON dategli un soldo;

       

       

    • La società è stata autorizzata da qualche organizzazione, ma la sua struttura non è sufficente per le regole Consob: NON dategli un soldo.

       

    Conclusione: gli intermediari autorizzati sono molti e dunque potete trovare l’investimento che vi interessa di più senza dover correre rischi inutili.

    Dove trovare la Consob:

    Consob - Ufficio relazioni con il pubblico - via Isonzo 19/e 00198 Roma (Tel. 06/84771, Internet: www.consob.it).

    Comunque NON dimenticate che l’autorizzazione Consob può non essere una garanzia sufficiente per garantire la regolarità dell’investimento che vi viene proposto.

    condividi questo articolo

  • Articolo
    Conoscere chi vi sta proponendo l'investimento :sia la persona che la società per cui lavora 6 mesi fa - mercoledì 15 marzo 2017

    Ovviamente questo consiglio non vale se l’investimento vi viene proposto dall’impiegato della vostra banca. Però vi consigliamo di prestare comunque molta attenzione anche alle offerte che vi vengono fatte dalla vostra banca. Può accadere che l‘impiegato operi per il proprio tornaconto personale.

    Ovviamente questo consiglio non vale se l’investimento vi viene proposto dall’impiegato della vostra banca. Però vi consigliamo di prestare comunque molta attenzione anche alle offerte che vi vengono fatte dalla vostra banca. Può accadere che l‘impiegato operi per il proprio tornaconto personale.

    Scoprite per quale azienda lavora chi vi propone l’investimento e poi contattatela per sapere se, quella persona lavora realmente per loro. Potrebbe essere qualcuno che sfrutta il nome di una banca molto famosa per rubare i vostri risparmi.

    condividi questo articolo

  • Articolo
    I promotori finanziari 13 anni fa - sabato 6 marzo 2004
    Chi è il promotore finanziario?
    Innanzitutto chi è il promotore finanziario? Il promotore finanziario è la persona che viene a casa vostra inviato da un intermediario finanziario (Sim, banca…) per “vendervi” prodotti finanziari. In sostanza il promotore è un venditore.

     

    La prima cosa da fare con un promotore è controllare che sia effettivamente… un promotore. La legge prevede che i promotori siano iscritti a un apposito albo. Verificare è facile: andate sul sito dell’albo dei promotori www.albopf.it e cliccate su “consulta albo e servizi”. Un tempo il servizio era tenuto dalla Consob, ma dal 2009 ha traslocato. Tranquilli, l’albo è comunque sotto la vigilanza stessa della Consob. Se non lo trovate nell’albo: statene alla larga!

     

    Il promotore vi deve poi fornire la documentazione in cui la Sim per cui lavora dice che quel promotore lavora per lei. Se non vi presenta questa lettera: non dategli un soldo.
    A questo punto avete già scoperto tanto, ma siete solo all’inizio dell’opera. Il promotore si accomoderà sul vostro divano e vi spiegherà le sue proposte di investimento. Ora questo momento è molto importante, perché il suo compito è fornirvi tutte le informazioni necessarie per investire e, formalmente, tutti i documenti (prospetti e via dicendo) relativi all’investimento. Fate domande, non abbiate paura di chiedere e neppure di mettere in imbarazzo il promotore. Siate scettici e prevenuti su ogni cosa. È il suo mestiere, non si può e non si deve offendere se gli sciorinate dei dubbi. Non credete mai a formule magiche: se esistessero il promotore che vi sta di fronte non starebbe lì a parlare con voi, ma sarebbe a grattarsi la pancia su un panfilo ancorato a Portofino. E ancora, se gli fate delle osservazioni e lui riesce a ribattere con rapidità e bravura non fatevi ingannare: ha studiato per questo e visto un sacco di clienti, per cui sappiate che le prevedeva già.

     

    E alla fine: non dite mai subito di sì se non vi è tutto più che chiaro e se non avete avuto in precedenza il tempo di documentarvi con calma sull’investimento. Fate con tranquillità e se il promotore vi fa fretta, fermatelo lo stesso.
     
    Tre cose da non fare
    · Non acquistate prodotti di tipo assicurativo come ad esempio le polizze unit linked: in genere sono molto cari in termini di spese.
    · Non firmate mai moduli di switch (passaggio da un fondo all’altro) in bianco.
    · Non fatevi convincere a fare dei piani di accumulo del capitale (acquisto rateale di un fondo) perché in genere comportano spese più elevate rispetto all’acquisto in un’unica soluzione.
     
    Pentirsi dopo non è mai un bene, anche se ne avete il tempo (per offerte fatte direttamente sul divano di casa vostra, anche se avete firmato o pagato la legge vi concede una settimana per ripensarci), perché l’esperienza dice che poi non si torna indietro volentieri e la settimana in cui è possibile ripensarci passa in fretta. E, comunque, ricordate: in nessun caso il promotore può prendere a suo nome soldi da voi, né un assegno, né un bonifico, né contanti.

    Entro il 30 aprile di ogni anno, la Consob pubblica l'albo dei promotori finanziari, aggiornato al 31 dicembre dell'anno precedente. Le istruttorie relative a iscrizioni e cancellazioni sono svolte dalle commissioni regionali e provinciali per l'albo dei promotori finanziari, istituite presso ogni camera di commercio con sede nei capoluoghi di regione: ecco di seguito l'elenco di queste commissioni con indicazione dei relativi recapiti:

    ABRUZZO L'Aquila Via del Guastatore, 7 67100 0862-41.35.43 0862-6671
    BASILICATA Potenza Corso XVIII Agosto, 34 85100 0971-41.15.85 0971-411.328
    BOLZANO Bolzano Via Perathoner, 8/B 39100 0471-94.56.20 0471-945.511
    CALABRIA Catanzaro Via Ippolito Menniti, 16 88100 0961-72.12.36 0961-888.111
    CAMPANIA Napoli Piazza Bovio 80133 081-55.27.866 081-6.07.111
    EM. ROM. Bologna Piazza Costituzione, 8 40128 051-60.93.225 051-60.93.111
    FRIULI Trieste Piazza Della Borsa, 14 34121 040-36.54.25 040 - 67.01.111
    LAZIO Roma Viale dell'Oceano Indiano, 19 00144 06-52.08.24.62 06 - 52.08.221
    LIGURIA Genova Via Garibaldi, 6 -3° piano 16124 010-27.04.376 010 - 27.04.1
    LOMBARDIA Milano PalazzoMezzanotte -Piazza Affari, 6 20123 02-85.15.45.83 02-85.15.1
    MARCHE Ancona Piazza XXIV Maggio,1 60100 071-20.73.907 071 - 58.981
    MOLISE Campobasso Piazza della Vittoria, 1 86100 0874-90.034 0874-4711
    PIEMONTE Torino Via S.Francesco da Paola, 24 10123 011-57.16.638 011 - 57.16.1
    PUGLIA Bari Corso Cavour, 2 70121 080-21.74.228 080-21.74.111
    SARDEGNA Cagliari Largo Carlo Felice, 72 09124 070-60.512.435 070 - 60.512.1
    SICILIA Palermo Via Emerico Amari, 11 90139 091-32.49.19 091-589.922
    TOSCANA Firenze Piazza dei Giudici, 3 50122 055-27.95.285 055 - 27.951
    TRENTO Trento Via Calepina, 13 38100 0461-98.30.69 0461 - 88.77.11
    UMBRIA Perugia Via della Scuola, 49 - Loc. Ponte San Giovanni 06087 075-59.70.147 075-57.23.845
    VALLE D'AOSTA Aosta Piazza della Repubblica,15 11100 0165-23.85.29 0165 - 27.31.11 *
    VENETO Venezia San Marco, 2032 30124 041-78.63.30 041 - 7861

    condividi questo articolo