Articolo
Attenti alla posta elettronica 5 mesi fa - giovedì 16 marzo 2017
Il termine phishing deriva una storpiatura del verbo inglese fishing, in italiano pescare. Si tratta di un’attività truffaldina che avviene tramite posta elettronica e con cui i malintenzionati cercano con l’inganno di farvi “abboccare”, appunto, alle loro proposte e sgraffignarvi dati anagrafici, di carta di credito e di accesso a vostri conti correnti online.

Il termine phishing deriva una storpiatura del verbo inglese fishing, in italiano pescare. Si tratta di un’attività truffaldina che avviene tramite posta elettronica e con cui i malintenzionati cercano con l’inganno di farvi “abboccare”, appunto, alle loro proposte e sgraffignarvi dati anagrafici, di carta di credito e di accesso a vostri conti correnti online.

I truffatori inviano delle mail molto curate nella grafica che sembrano proprio provenire dalla vostra banca. Nel testo solitamente vi si informa che vi sono problemi col conto corrente, o che dovete cambiare il codice d’accesso o che si sono verificati grossi spostamenti di denaro sul conto e vi si invita quindi a cliccare su un particolare indirizzo (link, in inglese) per controllare e risolvere tali problemi.

Il link fornito rimanda a un sito del tutto simile a quello della vostra banca, ma costruito ad hoc dai truffatori: questi ultimi possono così registrare le vostre informazioni personali (password e codici d’accesso) e utilizzarle poi sul vero sito internet della vostra banca per svuotare il vostro conto.

Le forme e le tipologie di phishing diventano sempre più subdole, raffinate e quindi pericolose. Anche un nostro lettore, che ringraziamo per la segnalazione, è stato vittima di un tentativo di truffa di questo tipo. Ha ricevuto una mail dall’indirizzo citibank@bounce.kiwari.com in cui un truffatore, spacciandosi appunto per la banca Citibank, invitava il lettore a compilare e inviare un modulo per il ricevimento della carta di credito Citibank Visa Gold.

È ovviamente un altro metodo per sgraffignare dati personali e accedere ai vostri conti correnti. Come lo sappiamo? Semplice: qualsiasi banca non vi invierà mai mail chiedendovi di aggiornare i vostri dati anagrafici, i vostri codici segreti, il vostro numero di carta credito o di scaricare particolari programmi per la sicurezza o di inviare moduli e documenti.

Il modo migliore per difendersi dal phishing è quindi quello di cancellare immediatamente il messaggio sospetto senza mai rispondere, cliccare su link o scaricare programmi allegati.

condividi questo articolo