News
Class Action americana: avanti tutta, ma con qualche intoppo 8 anni fa - mercoledì 4 novembre 2009
Alcuni di voi ci hanno segnalato di aver ricevuto una lettera da parte della Class Action americana in cui si fanno notare alcuni errori di compilazione o discrepanze nel materiale che avete inviato. Facciamo il punto sui problemi piu' frequenti.

· Non possiamo ovviamente dirvi con certezza che cosa sia passato per la mente della cancelleria del tribunale Usa nel momento in cui vi ha scritto per segnalarvi delle incongruenze nel materiale che avete inviato. Abbiamo però studiato un campione di queste lettere dagli Stati Uniti e vi indichiamo qui di seguito alcuni problemi effettivamente riscontrati (e le loro soluzioni).

· Compilazione incompleta: siete sicuri di aver compilato tutto il modulo? Non avete lasciato indietro nulla in ogni sua parte? Avete inviato tutta quanta la documentazione in modo che ogni compravendita sia supportata da una contabile d'acquisto, così come i titoli rimasti nel vostro portafoglio siano supportati da un estratto conto titoli che ne attesti la presenza dopo il 18 dicembre 2003? Ci è capitato il caso di un signore che aveva inviato tutta la documentazione, ma aveva dimenticato di compilare un singolo campo del modulo.

· Passaggio dalla lira all'euro uno: con il passaggio dalla lira all'euro 10 milioni di euro di obbligazioni sono diventati 5.164 euro. In alcuni casi il tribunale Usa che sembra contare le obbligazioni "numerandole" (una, due, tre...) anziché per importi (1.000 euro, 2.000 euro, 3.000 euro) sembra aver confuso il passaggio per cui da 10 (milioni) a 5 (mila) riscontra un ammanco di "cinque" bond. Per sicurezza potete farlo notare alla procedura Usa quando rinviate la documentazione in vostro possesso.

· Passaggio dalla lira all'euro due: a causa del passaggio dalla lira all'euro, in data 21 maggio 2001 ogni 25 azioni Parmalat che possedevate il 18 maggio ve ne siete trovate in mano solo 13 (raggruppamento da 25 a 13). A volte il tribunale Usa non sembra essersene accorto. Inviategli nuovamente tutta la documentazione controllando che non manchi nulla e allegate annunci e verbali di assemblea che attestano questo cambiamento .

· Cause che non intendete fare: in alcuni casi vi è stato contestato che non avete messo una "x" sulla documentazione che avete inviato al tribunale là dove vi si chiede di non intentare causa a Parmalat, Credit Suisse e Bnl. Tranquilli, se le uniche cause che avete intentato per il crack Parmalat sono solamente quelle che avete fatto con noi, potete apporre la vostra "x" e dichiarare che non avete intenzione di far causa a Parmalat, Credit Suisse e Bnl.

Ricordatevi di inviare copia della lettera in cui il tribunale vi contesta l'incompletezza della vostra richiesta a Parmalatsettlement, nonché la documentazione mancante, entro la data specificata in alto a destra sulla lettera del tribunale (su quelle che abbiamo visto è il 29 novembre, ma controllate!) via raccomandata all'indirizzo specificato in alto a sinistra della lettera che avete ricevuto: In re Parmalat Securities litigation, 04-MD-1653 (LAK) Claims Administrator P. O. Box 4068 Portland, OR 97208-4068, USA, oppure via mail (digitalizzando tutta la documentazione che allegherete) all'indirizzo specificato in alto a destra nella lettera che avete ricevuto: questions@parmalatsettlement.com. Ricordatevi di specificare vostro nome, indirizzo e numero di richiesta di risarcimento (è in alto a destra nella lettera che avete ricevuto).

condividi questo articolo