News
Veneto Banca e Banca Popolare di Vicenza, altre cattive notizie un anno fa - venerdì 22 settembre 2017

L’arbitro per le controversie finanziarie istituito dalla Consob ha stabilito uno stop ai ricorsi.

Con una comunicazione pubblicata in questi giorni, l’arbitro Consob ha gelato le speranze di molti investitori rimasti coinvolti nelle vicende delle due banche venete.

Dato che lo scorso 19 luglio le due banche, in seguito a un provvedimento della Banca centrale europea, hanno perso l’autorizzazione a esercitare l’attività bancaria, l’arbitro ha stabilito che da quella data in poi non sussistono più i requisiti per “obbligare” le due società ad aderire al sistema di risoluzione delle controversie (gli arbitrati).

Nella pratica, cosa significa? Significa che i ricorsi presentati fino al 18 luglio, e ancora pendenti, continueranno a essere esaminati, ma quelli presentati dal 19 luglio in poi saranno “automaticamente” dichiarati inammissibili. L’ennesima beffa per gli investitori.

condividi questo articolo