News

Bancasicura: molti giudizi di solidità confermati

un mese fa - venerdì 15 febbraio 2019
Singoli istituti e gruppi bancari hanno cominciato a pubblicare i dati preliminari di bilancio relativi al 2018. Vediamo qui come si sono comportati.

Novità sul fronte banche: dalla nostra ultima analisi, pubblicata di recente in Altroconsumo Finanza n° 1302, numero in cui abbiamo anche ritoccato al rialzo i livelli minimi richiesti per attribuire un giudizio di solidità per noi ritenuto sufficiente, sono stati resi noti i primi dati preliminari relativi al bilancio 2018. Buone notizie: rispetto all’ultima indagine, non abbiamo riscontrato casi particolarmente problematici e confermiamo in buona parte i giudizi precedentemente dati. In particolare, confermiamo il massimo giudizio, pari a 5 stelle, a FinecoBank. Poche, nel complesso, le banche che hanno subìto un taglio del rating. Sono Banco Bpm che passa da 3 a 2 stelle, i gruppi Banca Ifis, Banca Popolare Emilia Romagna e Mediobanca, che passano da 4 a 3 stelle. Banca Popolare di Spoleto non ha cambiato rating, ma certo non può essere considerata favorevolmente la riconferma di un giudizio pari a 1 stella – il minimo nella nostra scala. Il punteggio che ottiene resta però superiore a 100, motivo per cui non devi fuggire subito a gambe levate, vedi qui a fianco. Stando ai dati dell’ultima trimestrale, il giudizio attribuito al gruppo Monte Paschi, dovrebbe passare da 2 a 3 stelle. Preferiamo mantenerlo invariato a 2 stelle perché con il rallentamento economico italiano in corso il raggiungimento degli obiettivi definiti dal piano di risanamento diventa sempre più difficile, vedi AF n° 1302.

 

Banche: in arrivo i primi bilanci 2018

Banche a cui abbiamo confermato il rating

Banca o gruppo bancario

Punteggio al (31/12/2018)

Rating AF (2)

Banca Farmafactoring (gruppo)

140

***

Banca Generali (gruppo)

173,22

****

Banca Popolare dell’Alto Adige

115,02

**

Banca Popolare di Sondrio (gruppo)

121,27

**

Banca Popolare di Spoleto

106,45

*

Banca Sistema

115,91

**

Banco di Desio e della Brianza (gruppo)

121,82

**

Banco di Desio e della Brianza (spa)

179,21

****

FinecoBank

235,88

*****

Ing Direct

154,16

****

Intesa Sanpaolo (gruppo)

145,8

***

Mediolanum (gruppo)

139,65

***

Monte Paschi (gruppo)

136,91

**

UBI Banca (gruppo)

120,2

**

Unicredit (gruppo)

130,59

***

Banche a cui abbiamo cambiato il rating

Banca o gruppo bancario

Punteggio al (31/12/2018)

Rating precedente

Rating attuale

Banca Ifis (gruppo)

149,13

****

***

Banco BPM S.p.a

122,69

***

**

Banca Pop. Emilia Romagna (gruppo)

148,28

****

***

Mediobanca (gruppo)

147,6

****

***

Il punteggio è stato calcolato con gli ultimi CeT1 e Total capital ratio disponibili al 31/12/2018. (2) * Indica le meno affidabili, ***** le più sicure.

 

Banca a 1 stella, che fare?

Una banca che ha ottenuto una sola stella non è certamente in ottima salute, ma l’elemento discriminante per capire se ha solo qualche linea di febbre o, invece, se la malattia è più seria, è costituito dal punteggio ottenuto. Se è inferiore a 100, il malessere è piuttosto grave. Ti consigliamo quindi di scegliere un’altra banca. Vendi quindi tutti i bond e le azioni della banca e trasferisci azioni, obbligazioni e fondi che hai sul conto titoli sul nuovo conto. Infine, chiudi il conto. Se il punteggio è superiore a 100, invece, per il momento non devi per forza lasciare la tua banca, ma tieniti pronto a far le valigie: non comprare azioni della banca, né bond bancari e, se te li hanno venduti in passato, liberatene. Non sottoscrivere conti deposito vincolati, scegli depositi liberi e tieniti aggiornato. Ovviamente lascia depositati meno di 100.000 euro a intestatario.

 

I requisiti minimi per ottenere la sufficienza

La Banca centrale europea chiede un livello minimo generale di CeT 1 ratio del 7% e di Total capital ratio del 10,5%. In Altroconsumo Finanza n° 1289 abbiamo innalzato i “nostri” livelli minimi all’8% per il CeT 1 ratio e dell’11,5% per il Total capital ratio. In Altroconsumo Finanza n° 1302 abbiamo portato il livello minimo di CeT 1 ratio al 9% e di Total capital ratio al 12,5%.

condividi questo articolo