News
Cozze con cozze uguale fritto misto? 9 anni fa - lunedì 15 settembre 2008
Ok, le cozze non vanno bene col fritto misto, ma l'espressione "essere alle cozze" esprime non solo la situazione di Alitalia (soprattutto viste le difficili trattative coi sindacati), ma anche quella della promessa sposa AirOne, i cui conti non sono buoni.

· Come già vi abbiamo accennato settimana scorsa chi rischia di guadagnare qualcosa dalla vicenda Alitalia è soprattutto AirOne. Circolano anzi voci che il salvataggio di Alitalia sia in realtà anche il salvataggio della stessa AirOne, visto che per la compagnia di Chieti si parla di aerei con più posti vuoti della media delle concorrenti europee.

 

· Siamo andati a vedere i conti di AirOne e... beh, non sono messi troppo bene. Certo la società ha dichiarato un utile di 6,9 milioni di euro nel 2006 e di 6,8 milioni nel 2007 e un Ebit (cioè l'utile prima di pagare interessi sul debito e tasse) a 26 milioni nel 2006 e a 19,7 milioni di euro nel 2007.

Tuttavia a parte l'osservazione che l'utile 2007 è comunque meno dell'1% dei ricavi pari a 759,5 milioni di euro occorre scavare un attimo in profondità.

 

· Innanzitutto colpisce il fatto che il costo del mestiere di far volare gli aerei si mangi la quasi totalità degli incassi che AirOne produce coi voli stessi (dati 2006 alla mano stiamo parlando del 99,1%). Ciò significa che a tenere in utile i bilanci sono soprattutto altri componenti non legati al mestiere di far volare gli aerei, senza i quali, ad esempio, il bilancio del 2006 avrebbe registrato un rosso di 15,4 milioni di euro anziché un utile di 6,9 milioni.

 

· Ma non ci sono solo i conti a lasciare perplessi, c'è il problema dei debiti il cui rimborso può essere chiesto indietro dalle banche nel giro di un anno. Sono una somma ben superiore ai soldi che ci sono in cassa: nel 2006 c'erano in cassa 11,72 milioni di euro a fronte di 50,47 milioni di euro di debiti con le banche: ossia la società era sotto di 38,75 milioni di euro. Nel 2007 le cose sono andate anche peggio perché AirOne è finita sotto di 61,8 milioni. Per avere un'idea di quel che significa immaginate che vi sia arrivata l'ultima rata del condominio da pagare, di avere sul conto corrente solo una parte di quei soldi e di non avere uno stipendio che, tolte le spese per il cibo, sia sufficiente a saldare i conti con l'amministratore. Vi toccherà chiedere un prestito. Questa è più o meno la situazione di AirOne.

· La scusa di AirOne è che il peggioramento dei conti (Ebit e debiti a breve) è legata agli investimenti che sta facendo. Ossia: ci sono in casa ancor meno soldi dell'anno scorso per pagare il condominio perché nel frattempo vi siete comprati anche un'auto nuova. Sta bene: una società ha un futuro assicurato solo se investe. Tuttavia così facendo non sta in piedi da sola, ma grazie a qualcun altro disposto a prestare

condividi questo articolo