News
Editoriale 19 anni fa - lunedì 19 ottobre 1998

 

E' ARRIVATO BABBO NATALE?

Le lettere forse continueranno ad arrivare in ritardo, ma i quattrini investiti in Buoni postali e "dimenticati" in un cassetto torneranno finalmente ai legittimi proprietari: 4.000 risparmiatori italiani sparsi in ogni angolo del Pianeta. Con una storica decisione, il consiglio d'amministrazione delle Poste Italiane ha ammesso una deroga alla legge che regola i Buoni postali. Di norma, infatti, i sottoscrittori di Buoni postali (sia ordinari sia a termine) perdono ogni diritto alla riscossione degli interessi maturati e del capitale investito se non battono cassa entro 5 anni dalla scadenza del titolo.
I quattrini non vanno alle Poste, ma li incamera lo Stato, che si fa beffe dei cittadini "distratti" e di tutti coloro che sono impossibilitati a riscuotere in tempo utile i Buoni (si pensi ai molti italiani residenti all'estero o alle eredità contese...).
E' un caso più unico che raro, ma questa volta le Poste restituiranno ai possessori di Buoni postali caduti in prescrizione sia il capitale sia gli interessi maturati (nell'articolo a
pagina 13 spieghiamo cosa occorre fare per rientrare in possesso del "maltolto"). E, cosa ancor più sorprendente, i tempi di rimborso si annunciano rapidissimi: entro gennaio verranno dati i quattrini a chi ne ha diritto.
Attenzione però, Babbo Natale arriva una volta sola e per il futuro la legge continuerà a penalizzare i "distratti". Se avete Buoni postali, controllate la data di scadenza!

BORSA ITALIANA IN RIPRESA

 

Fig. 1 : Torna a splendere il sole su Piazza Affari, che chiude la settimana con un rialzo del 13%. A pagina 6.

ANDAMENTO DELL'AZIONE VOLKSWAGEN

 

Fig. 2 : Lo scorso luglio Volkswagen ha diviso le sue azioni in 10. Come sono stati distribuiti i dividendi? A pagina 13.

condividi questo articolo