News
Rispetto 12 anni fa - lunedì 26 settembre 2005
Giro di boa del terzo millennio: già in crisi di identità per non aver cercato con sufficiente tenacia nuove idee, Fiat per l'ennesima volta entra in crisi. Le banche sborsano 3 miliardi di euro per darle una mano sperando di avere indietro o i soldi o il controllo societario. Non hanno avuto né gli uni (ad oggi hanno perso circa 900 milioni di euro), né l'altro.

Giro di boa del terzo millennio: già in crisi di identità per non aver cercato con sufficiente tenacia nuove idee, Fiat per l'ennesima volta entra in crisi. Le banche sborsano 3 miliardi di euro per darle una mano sperando di avere indietro o i soldi o il controllo societario. Non hanno avuto né gli uni (ad oggi hanno perso circa 900 milioni di euro), né l'altro. Ifil, infatti, tramite una operazione finanziaria complessa è riuscita a rastrellare di nascosto sul mercato i titoli necessari per mantenere il controllo di Fiat. Pace per le banche: a volte, a giocar col fuoco ci si scotta. Tuttavia ciò che ha lasciato l'amaro in bocca è che Ifil abbia rastrellato milioni di titoli senza che nessuno lo sapesse. Le regole di trasparenza del nostro mercato non son bastate a spiegare al pubblico che il prezzo di Fiat andava alle stelle anche perché Ifil non mollava la presa. Tutto ciò è per noi una conferma che la finanza italiana non brilla quanto a limpidezza: in Soldi Sette n° 657 vi avevamo già mostrato come in Europa, in materia di corporate governance – termine che potremmo rendere con: rispetto, per gli azionisti, i loro investimenti, e il mercato – l'Italia sia meglio solo di Belgio e Francia. Visto che questo argomento, complice Ifil, continua a scottare, alle pagine 11 e 12 troverete una classifica tutta italiana sul tema della governance, del rispetto dunque. I migliori in Italia? Eni e Generali. I peggiori? Se Pirelli e Marzotto guidan la classifica, a ruota ci sono proprio Fiat e Ifil. Ma non vogliamo essere i soli a dire qualcosa sul tema del rispetto del risparmio, vi invitiamo a fare altrettanto. Inviateci opinioni, riflessioni suggerimenti o richieste a: rispetto@altroconsumo.it.

 

CORPORATE GOVERNANCE EUROPEA: ITALIA SOTTO LA MEDIA

In una scala di nostra ideazione che va da 0 a 20 le società inglesi sono quelle che riescono meglio in materia di corporate governance. L'Italia delude.

NELLA CLASSIFICA ITALIANA POCHI GLI ELETTI

Se molte società strappano un voto di 12 su 20, i migliori del nostro campione hanno un voto di poco più di 14. Ci sono ampi spazi di miglioramento…

DOPO LA CORSA DOPATA FIAT RIPIEGA SOTTO QUOTA 7,5 EURO

Gli accordi con Tata e Ford sosterranno le quotazioni di Fiat (in euro) ora che gli acquisti per conto di Ifil sono finiti? Il prezzo è comunque corretto: mantenere.

condividi questo articolo