News
Voglia di... 12 anni fa - lunedì 14 novembre 2005
Biglietti verdi! Questo ci dice la recente crescita del dollaro. Ma non c'è da stupirsene: i tassi ufficiali Usa sono in crescita da tempo e il loro differenziale rispetto a quelli europei due settimane fa è salito a ben due punti percentuali.

Biglietti verdi! Questo ci dice la recente crescita del dollaro. Ma non c'è da stupirsene: i tassi ufficiali Usa sono in crescita da tempo e il loro differenziale rispetto a quelli europei due settimane fa è salito a ben due punti percentuali. A distanza di due anni dalla prima apertura del divario tra i tassi di sconto sulle due rive dell'Atlantico anche le valute hanno iniziato a reagire e il dollaro sta guadagnando terreno. Se date un occhio al primo grafico dollaro e differenziale dei tassi si muovono in sintonia proprio con un salto temporale di circa due anni. Se la Banca centrale europea dovesse continuare la sua politica prudente (o anche solo alzare i tassi piano piano), la ripresa del biglietto verde è destinata a continuare per un po'. Ecco perché continuiamo a dirvi di investire parte dei vostri soldi oltreoceano. Ma il rialzo dei tassi Usa non ha solo effetti sui rapporti di forza tra monete affacciate sullo stesso mare, ma anche, e soprattutto, sulla Borsa americana. Come potrete leggere in un articolo in Detto tra noi  (vedi pagina 14) un rialzo dei tassi da parte della Fed da il là a una serie di reazioni a catena: pigia il piede sull'acceleratore dei rendimenti dei titoli di Stato e così facendo spinge in su il rapporto tra utili e prezzi delle società. E questo valore può salire solo in due maniere: o crescono gli utili o scende la Borsa. Quale sarà il futuro che attende il mercato americano (e di lì a pioggia anche quelli europei)? Considerando anche i dividendi staccati dalle società (vedi grafico al centro) oggi  siamo vicini ai picchi del 2000. Certo le società sono meno care di allora, tuttavia non ci sarà da stupirsi se nei prossimi mesi le Borse dovessero essere un po' pigrotte.

 

L'EURO È DESTINATO A PERDER TERRENO SUL BIGLIETTO VERDE

Con 2 anni di ritardo il dollaro (grassetto, scala di sinistra) segue l'andamento del differenziale dei tassi tra le due sponde dell'Atlantico (sottile, scala di destra).

WALL STREET HA CORSO MOLTO E FORSE RALLENTERÀ, TUTTAVIA...

...le azioni Usa non sono care (grassetto, scala di sinistra, il rapporto prezzo/utili), nonostante siano salite molto dai minimi del 2002 (linea sottile, scala di destra).

condividi questo articolo