News
Marianna si barrica in casa! 12 anni fa - lunedì 6 marzo 2006
E soprattutto non apre allo straniero! Anche questa settimana ci tocca parlare della Francia, ma non preoccupatevi, non vi offriamo una riedizione dell'affaire Enel/Suez/Gas de France, bensì vi puntiamo i riflettori su Bnp Paribas.

E soprattutto non apre allo straniero! Anche questa settimana ci tocca parlare della Francia, ma non preoccupatevi, non vi offriamo una riedizione dell'affaire Enel/Suez/Gas de France, bensì vi puntiamo i riflettori su Bnp Paribas. Per finanziare l'acquisto di Bnl (valore stimato: 9 miliardi di euro) la banca francese ha, infatti, varato un aumento di capitale per 5 miliardi e mezzo di euro a cui posson partecipare i francesi, le banche di tutto il mondo, ma non... i piccoli risparmiatori italiani. Ancora una volta i cugini di Oltralpe se ne sono infischiati e non hanno presentato alla Consob una copia in italiano del prospetto di quotazione. Niente prospetto, quindi, niente possibilità di sottoscrivere per gli italiani. Non è comunque che neppure la Consob qui ci faccia una bella figura. Bnp Paribas ha presentato il prospetto in Francia e là è stata autorizzata a lanciare l'aumento di capitale: perché non dare comunque il via libera col prospetto francese? L'eccesso di burocrazia in questo caso è inutile e penalizza gli investitori italiani che resteranno diluiti in una società interessante. L'unica cosa che gli azionisti italiani possono fare è vendere in Borsa i diritti a sottoscrivere l'aumento di capitale incorporati nelle loro azioni Bnp Paribas. A rigor di logica la banca dovrebbe farlo da sola, voi, però, se avete azioni Bnp Paribas, non fidatevi e sollecitatela ben prima del termine ultimo fissato per il 20 marzo.

condividi questo articolo