News

La scrofa e i suoi porcellini

12 anni fa - lunedì 18 settembre 2006
Un uomo possedeva una bella scrofa che ogni anno partoriva molti porcellini. Un contadino, volendo entrare nel business della norcineria, decise di comperare la scrofa per produrre a sua volta tanti porcellini. Tuttavia questo contadino non aveva i soldi per comprare la scrofa e se li fece prestare dalla banca. Dopo qualche anno, però, il debito divenne insostenibile e il contadino dovette macellare la scrofa per ripagarlo con la vendita della carne. Se sostituite la scrofa con Telecom Italia e i porcellini con i dividendi, avete trasformato una favoletta morale nell'attualità della settimana.

Un uomo possedeva una bella scrofa che ogni anno partoriva molti porcellini. Un contadino, volendo entrare nel business della norcineria, decise di comperare la scrofa per produrre a sua volta tanti porcellini. Tuttavia questo contadino non aveva i soldi per comprare la scrofa e se li fece prestare dalla banca. In cambio avrebbe pagato il debito vendendo i porcellini. Dopo qualche anno, però, il debito divenne insostenibile e il contadino dovette macellare la scrofa per ripagarlo con la vendita della carne. Se sostituite la scrofa con Telecom Italia e i porcellini con i dividendi, avete trasformato una favoletta morale nell'attualità della settimana: il riassetto di Telecom Italia. Telecom fu, infatti, acquistata da Olivetti coi soldi delle banche e poi nuovamente acquistata da Pirelli, sempre coi soldi delle banche. La promessa era che si sarebbe pagata da sola i debiti, ma siccome non ce la fa ora potrebbe essere necessario farla a pezzi e vendere Tim per far cassa. Per gettarvi del fumo negli occhi vi dicono che in questa vicenda c'entra la politica, con strane storie di consiglieri del presidente del Consiglio che prendono appunti privati su carta intestata della Repubblica, oppure che ci sono di mezzo questioni di indirizzo strategico del Paese. Vero è che questi racconti sono solo contorno: quando si acquista a credito prima o poi i nodi vengono al pettine. Ne parliamo alla sezione Borsa e mercati .

condividi questo articolo