News
El rebote del gato muerto... 9 anni fa - lunedì 20 ottobre 2008
...ecco come il nostro amico Jorge (da leggersi orche, preceduto come da uno schiarirsi di gola quando si ha un po’ di raucedine), un economista di Madrid, vede l’intonazione delle Borse. El rebote del gato muerto è poi la traduzione spagnola dell'anglosassone dead cat bounce, il rimbalzo del gatto morto, espressione in voga tra i trader di tutto il mondo che descrive riprese di Borsa simili a quelle della scorsa settimana.

...ecco come il nostro amico Jorge (da leggersi orche, preceduto come da uno schiarirsi di gola quando si ha un po’ di raucedine), un economista di Madrid, vede l’intonazione delle Borse. El rebote del gato muerto è poi la traduzione spagnola dell'anglosassone dead cat bounce, il rimbalzo del gatto morto, espressione in voga tra i trader di tutto il mondo che descrive riprese di Borsa simili a quelle della scorsa settimana. L'idea alla base è che anche un gatto morto rimbalza, se cade da una grande altezza: evoca simpatiche bestiole di casa avvelenate da vicini biliosi e rende l'idea di una situazione in cui nessuno si fida di nessuno e in cui le Borse languono. Durerà a lungo questa crisi? Secondo Jorge sì: durerà ancora per un po' e sarà molto dura. In Ultime analisi trovate qualche riflessione (meno pessimista, però, di quella offerta dal nostro amico Jorge) a partire da un confronto con il 1929. Fatto sta che di questi tempi la prudenza non è mai troppa e questo spiega perché, anche se il pesante ridimensionamento delle Borse sta rendendo teoricamente conveniente investire in azioni, noi abbiamo scelto di stare alla finestra (ad esempio vi diciamo di mantenere, ma non acquistare fondi azionari) e di continuare ad acquistare azioni solo in alcuni selezionatissimi casi, ma soprattutto, e ve lo diciamo da tempo (vedi Soldi Sette 773, 795, 796 e 797 ), di “coprirvi” o tenere molta liquidità.

FLIPPER O DOW JONES?

Nelle ultime settimane la Borsa Usa (linea scala sinistra) è crollata dando però degli scossoni non indifferenti (barre, scala destra la variazione percentuale sul giorno prima).

condividi questo articolo