News
Saltan le molle del materasso? 9 anni fa - lunedì 3 novembre 2008
I titoli di Stato sono tradizionalmente considerati come il prodotto ideale per vedove e orfani, il materasso dentro cui ogni bigliettone da cinquecento euro può dormire sonni tranquilli coccolato dal fruscio delle piume.

I titoli di Stato sono tradizionalmente considerati come il prodotto ideale per vedove e orfani, il materasso dentro cui ogni bigliettone da cinquecento euro può dormire sonni tranquilli coccolato dal fruscio delle piume. Tuttavia la scorsa settimana qualche cosa si deve essere inceppato in questo meccanismo della quiete e BTp e compagni sono sono stati additati come titoli da tenere sott'occhio. Come? Il sonnolento parafulmine dei guai degli italiani non è più così sonnolento e neppure così parafulmine? No, la realtà non è affatto drammatica, solo che i mercati per comprare titoli di Stato italiani anziché i più affidabili titoli di Stato tedeschi hanno iniziato a chiedere un premio al rischio (cioè una maggiorazione al rendimento) sopra l'1% (vedi grafico), come non accadeva dall'epoca della lira e qualcuno ha pensato bene di lanciare un allarme crack per l'Italia. In Ultime analisi trovate un esame della situazione. Il nocciolo del problema sta nel fatto che la crisi economica sta spingendo l'Unione europea ad ammorbidire le posizioni in tema di bilanci pubblici e questo fa temere che il Bel Paese non resista alla tentazione di far esplodere di nuovo il suo debito pubblico. Secondo noi anche se le casse dello Stato non ridono non è il caso di paragonare l'Italia all'Argentina e non c'è nessun fallimento in vista. Per chi proprio non vuole saperne i titoli di Stato francesi possono offrire una alternativa.

IL TERMOMETRO DEL RISCHIO SEGNA FEBBRE?

Così dice la differenza di rendimento tra BTp e Bund tedeschi (grassetto a sinistra) e il termometro dei Cds (sottile, a destra vedi in Ultime analisi ). Noi, però, restiamo ottimisti.

condividi questo articolo