News
La famiglia 9 anni fa - lunedì 27 luglio 2009
Tutti insieme, sotto uno stesso tetto, si vive insieme, e l'un con l'altro ci si scambiano pensieri, opinioni... favori. Così vale sul terreno privato, così vale nel mondo della finanza, che sembra austero e freddo, ma che spesso non è altro che un bellissimo salotto in cui tutti si conoscono e in cui tutti si danno una mano...

Tutti insieme, sotto uno stesso tetto, si vive insieme, e l'un con l'altro ci si scambiano pensieri, opinioni... favori. Così vale sul terreno privato, così vale nel mondo della finanza, che sembra austero e freddo, ma che spesso non è altro che un bellissimo salotto in cui tutti si conoscono e in cui tutti si danno una mano. Chi sta fuori? Beh, non è di famiglia e vale un po' meno degli altri. Ohibò, a dove vogliamo arrivare, vi chiederete? Ma ai superbond della settimana, quelli che Fiat intende emettere attraverso Fiat finance and trade ltd e che, pur scadendo solo da qui a tre anni, potrebbero offrire una remunerazione di quasi l'8% netto (la cedola sarà, infatti del 9% e il probabile prezzo di emissione non distante da 100). Vero che Fiat non è particolarmente appetibile perché il suo rating è bassino, però una simile cedola per un investimento di soli tre anni è golosa. Ma voi siete gente di famiglia? Per il salotto buono della finanza no, per cui questi ghiotti cedoloni sono riservati (il taglio minimo dei bond è da 50.000 euro) solo agli investitori istituzionali, cioè banche e compagnia bella. Voi, cioè il popolo dei risparmiatori, vi potete accontentare semmai di qualche fondo che investe in titoli societari, dove, però, i titoli migliori, complice anche qualche cautela imposta dalla legge, è difficile che vadano a finire, tant'è vero che negli ultimi anni i fondi del settore hanno reso meno del mercato (vedi grafico). Che dire? Inutile farsi il sangue amaro, guardiamo alle vacanze: il mare è dietro l'angolo. A voi e alle vostre famiglie auguriamo ferie serene.

FONDI SMORZARENDIMENTI

I fondi comuni, vuoi per i costi, vuoi perché sono tenuti a una certa prudenza in materia di titoli da scegliere, negli ultimi anni han reso meno delle obbligazioni societarie.

condividi questo articolo