News
Ciclisti, attenti al vigile! 8 anni fa - lunedì 22 marzo 2010
Da qui a poco, infatti, il vigile urbano potrebbe essere usato dai Comuni alla stregua di uno strumento finanziario per fare cassa e rimpolpare le tasche municipali prosciugate dall'uso maldestro di strumenti derivati (cioè titoli speculativi) venduti ai Comuni stessi da banche senza scrupoli.

Da qui a poco, infatti, il vigile urbano potrebbe essere usato dai Comuni alla stregua di uno strumento finanziario per fare cassa e rimpolpare le tasche municipali prosciugate dall'uso maldestro di strumenti derivati (cioè titoli speculativi) venduti ai Comuni stessi da banche senza scrupoli. E allora giù multe per tutti, ciclisti e pedoni inclusi. Il processo al via a Milano che vede Deutsche Bank, Jp Morgan, la filiale dublinese di Depfa Bank e quella di Londra di Ubs coinvolte in una presunta truffa aggravata ai danni del Comune di Milano potrebbe essere, infatti, solo la punta di un iceberg di un nuovo tema caldo per l'economia. Gli enti locali possono essere considerati investitori sofisticati? Chiunque abbia avuto a che fare con un ufficio pubblico italiano sa che, al di là dei luoghi comuni, non mancano professionalità di livello, ma sa anche che la finanza non è il campo in cui questa professionalità opera. Quindi l'idea che le banche debbano pagare per le loro responsabilità nella vendita agli enti locali di strumenti finanziari inadatti non è così peregrina. Se si considera che questo fenomeno non è solo italiano, ma mondiale, iniziano a delinearsi i contorni di una nuova stagione di conflittualità che potrebbe vedere le banche sotto il tiro di una clientela (gli enti pubblici) finora considerata tranquilla: un nuovo fronte, quindi, con nuovi rischi e nuove turbolenze, anche in Borsa.

condividi questo articolo