News
Incassa i buoni sconto! 3 anni fa - venerdì 12 dicembre 2014
Il 2014 è agli sgoccioli, tra una settimana ci facciamo pure gli auguri di Natale, ma prima ci sono alcune cose urgenti da fare. Strappa, quindi, qualche ora allo shopping natalizio e fai un salto in banca.
Il 2014 è agli sgoccioli, tra una settimana ci facciamo pure gli auguri di Natale, ma prima ci sono alcune cose urgenti da fare. Strappa, quindi, qualche ora allo shopping natalizio e fai un salto in banca. È, infatti, ora di “mietere” le tue minusvalenze, ossia di incassare il buono sconto sulle tasse che ti sei “meritato” per le perdite che hai subito quattro anni fa, sennò scade. In altre parole: se nel 2010, all’inizio della crisi greca, hai venduto in perdita azioni o obbligazioni ti sei portato a casa una specie di buono sconto che il 31 dicembre diventerà carta straccia. Quindi devi affrettarti a incassarlo? Come? No, non puoi andare all’agenzia delle entrate e dire “datemi indietro i miei soldi”. Lo Stato i soldi non te li ridà. Devi vendere qualcosa in cui hai maturato dei guadagni e farti applicare lo sconto. Il tuo vantaggio sarà che, a seconda del valore del tuo buono sconto dalla vendita del titolo ti verrà un incasso netto che potrebbe arrivare perfino a coincidere con l’incasso lordo (normalmente ti prendi meno dei tre quarti). Attento, però, perché il legislatore fiscale è maligno più del diavolo, e questo buono sconto non vale con tutti i prodotti finanziari. Vendi un fondo? Un Etf? Il buono non vale. Vale solo con titoli quali azioni, obbligazioni o certificate. Da quali devi iniziare? Se sei uno dei molti ancora aggrappato ai BTp: è l’occasione per disfartene. In mancanza di BTp puoi “spendere” i tuoi buoni sconto con azioni dove hai guadagnato molto. Se hai solo titoli che ti diamo all’acquisto puoi vendere anche quelli, e semmai riacquistarli di nuovo. Attento solo che le commissioni non si mangino tutto il tuo risparmio fiscale.

condividi questo articolo