News
E domani? 2 anni fa - lunedì 31 agosto 2015
E domani?
Dello ieri sai già tutto. Se così non fosse, guardati l’estratto del tuo conto titoli e capirai la delicatezza del momento. Tutta colpa dei cinesi? Mavalà. È la classica storia della goccia che fa traboccare il vaso. I cinesi e la loro crescita che rallenta son stati questo: l’ultima goccia. Il vaso l’han riempito le banche centrali – di mezzo mondo - con i loro cuè. Quante volte ti sei chiesto: “Dove li metto, adesso che i BTp non rendono più niente?”. In risposta ti sei comprato di tutto. Ecco, lo stesso han fatto gli altri. Tutti gli altri. E i prezzi son saliti. Ma come salgono, poi scendono. E l’hanno fatto. Un po’, non tutto. Ma sono pure risaliti. Un po’, non tutto. Quindi? Ho interrogato i nostri modelli di analisi dei mercati e questi vaticinano di investire di più nei mercati che sono andati peggio, ossia quelli emergenti e di Paesi produttori di materie prime. In scia ci vanno i titoli attivi in quei settori, eccetera, eccetera. Puro buon senso, di cui, al momento, non mi fido. Per me nella migliore delle ipotesi non ci muoviamo da dove siamo. Ragion per cui non toccherei nulla. Ti ho preparato un numero interamente dedicato alle ragioni di tutto questo e alle incognite dietro l’angolo. Preparati a ballare perché ci sarà da ballare. Se te la senti, tieni sempre sotto mano i certificate short, quelli che guadagnano sette volte le perdite della Borsa, pronto a difenderti da notizie negative improvvise. Attento, però, perché funzionino devono essere comprati prima che crollino le Borse, quando il crollo è già avvenuto è troppo tardi. Il certificate è come la schedina del totocalcio: si gioca fino a sabato, domenica è tardi. Se non hai chiaro questo concetto, il loro rischio o non hai tempo, non usarli. Aspetta piuttosto che la buriana passi. Io aspetto qui con te. 
 
                                                                                           Vincenzo Somma
                                                                        direttore responsabile Altroconsumo Finanza

condividi questo articolo