News
Scommettiamo che… 2 anni fa - lunedì 21 settembre 2015

Scommettiamo che…

…il manager col maglione riesce a convincere la biondona? Ne avrai sentito senz’altro parlare: la FCA di Marchionne sta facendo il filo spietato al suo più grosso concorrente General Motors (30,51 dollari, Isin US37045V1008). Mary Barra, la bionda manager a capo di GM, però, ha finora dispensato solo due di picche, convinta che la fusione tra le due società non sia così conveniente. Per nulla impaurito il nostro impavido Marchionne va avanti con il corteggiamento. Il rischio, però, è che stufo di prendere porte in faccia, decida di tentare di prendere GM con la forza. Come? Attraverso un’Opa ostile che convinca gli azionisti di GM (al momento molto “spezzettati” in piccoli gruppi) a cedere la loro quota a FCA. Pur in questa prospettiva i rischi per il nostro Dongiovanni col maglione non sono pochi: GM è un boccone molto grosso e vale 48 miliardi di dollari, mentre il predatore FCA di miliardi di dollari ne vale “solo” 19. È il leone che si vuole pappare il rinoceronte. Per riuscire a farcela occorrono soldi che FCA ora non ha. Per procurarseli non le basterà vendere i gioielli di famiglia (Ferrari). Dopo aver venduto i gioielli di famiglia dovrà pure fare altro debito. Ma siamo già a quota 8 miliardi. Può fare queste due cose e, in più, dare agli azionisti di GM anche qualche azione FCA in cambio del loro assenso all’operazione. Messa così, può darsi che Marchionne tenti l’assalto. Scommettiamo che ce la fa? In tal caso è meglio che tu stia lontano da FCA (se il passo è più lungo della gamba ti salvi), ma GM diventa appetibile, perché se ci sarà battaglia il suo prezzo finirà per salire. E se la scommessa va male? GM ai prezzi attuali, con un rapporto prezzo utili di 7 e un rapporto prezzo valore contabile di 1,2 non è neppure cara. Per male che vada ti porti a casa un buon titolo da tenerti per qualche tempo.

 

 
                                                                                           Vincenzo Somma
                                                                        direttore responsabile Altroconsumo Finanza

condividi questo articolo