News
La sòla 2 anni fa - lunedì 19 ottobre 2015

La Sòla

Dopo la sòla Fincantieri che fu rifilata per lo più ai piccoli risparmiatori e che ora è sotto il prezzo di quotazione di ben il 25%, lo Stato è ripartito con le privatizzazioni. Settimana scorsa ti abbiamo parlato della quotazione di Poste Italiane, il cui avvio scoppiettante potrebbe essere una buona occasione per il Governo per rifarsi una verginità e mostrare che non tutti gli ex carrozzoni di Stato son per forza una fregatura. Lo scopo? Prepararsi alla quotazione in Borsa di nuovi gioielli, uno su tutti: le Ferrovie, che per dimensioni potrebbero essere la madre di tutte le privatizzazioni. Tuttavia lo Stato non si limiterà alle Ferrovie, ma c’è di mezzo anche roba come… la Rai. Ora, diciamolo chiaro: se il Frecciarossa ha dato una patina di modernità alle Ferrovie, la Rai resta quello che è. Per cui il governo che fa? Si dà ai magheggi per imbellettare per tempo i conti della Rai. Come? Col canone nella bolletta elettrica. Come sai da 113,5 euro si passa a soli 100 euro, ma forse non hai idea di quanto incasserà di più la Rai con la rivoluzione della bolletta. Nell’ultimo bilancio dal canone ha tratto 1,59 miliardi. Nei prossimi bilanci potrebbe tirar su… facciamo i conti… 100 euro per 24,6 milioni di famiglie… sono 2,46 miliardi di euro! Sono quasi 900 milioni di euro in più nelle casse di Saxa Rubra. E sono tutti soldi tuoi! Non oso immaginare che magheggi potrà fare con le Ferrovie se la forza del brand Frecciarossa non dovesse bastare al successo della privatizzazione. Per fortuna ci siamo noi che facciamo i cani da guardia con le nostre class action (ad esempo per i ritardi di Trenord) e le nostre iniziative di diverso genere. E, a proposito, se sei contro il canone in bolletta, firma la nostra petizione per abolire del tutto il canone, la trovi qui: www.altroconsumo.it/hi-tech/televisori/news/abolizione-canone-rai.

 

 

 

 
                                                                                           Vincenzo Somma
                                                                        direttore responsabile Altroconsumo Finanza

condividi questo articolo