News
Ti tolgono i diritti 2 anni fa - lunedì 23 novembre 2015

Ti tolgono i diritti!

Il governo sta per fare a pezzi il tuo diritto a essere informato sull’andamento delle società in cui investi. È allo studio una norma (frutto di una direttiva UE) che prevede tra l’altro due cose. Primo: alzare del 50% la quantità di azioni oltre cui un azionista di società quotata deve dire urbi et orbi “Ehi, ci sono pure io tra gli azionisti!”. Oggi basta il 2% delle azioni, domani ci vorrà il 3%. Visto che le società quotate sono spesso controllate da maggioranze esigue (a volte basta solo un 20-30% del capitale) è evidente che cresceranno le zone d’ombra dove i furbetti nascosti si potranno mimetizzare in attesa di saltar fuori in assemblea e cambiare le sorti di una società quotata. Il tutto a scapito del piccolo azionista che scoprirà tutto solo a cose fatte. La seconda novità è pure peggio, è l’abolizione dell’obbligo di pubblicare dati trimestrali. Ora una società quotata deve dirti ogni tre mesi se perde o guadagna. Domani, salvo particolari casi decisi dalla Consob (il cane da guardia dei mercati, che, però, di solito, ronfa), non sarà più costretta. La scusa? Che le trimestrali costano. Ma quando mai? Non vorranno farci credere che chi ha affrontato uno sbarco in Borsa non ha un sistema contabile degno del suo nome e tiene tutti i conti su foglietti volanti di carta da salumiere che poi ci vuole una quaresima a mettere in bella copia? Fatto sta che di questo passo acquistando azioni ti ritroverai in mano per molti mesi un investimento al buio. Come se fai restaurare casa e non puoi neppure controllare se gli operai stanno lavorando bene o se te la stanno devastando. La casa è tua, le azioni sono tue, ma tu non sai nulla! E noi che pensavamo che essere informati fosse un diritto acquisito…

 

 

 

 

 

 
                                                                                           Vincenzo Somma
                                                                        direttore responsabile Altroconsumo Finanza

condividi questo articolo