News

Sono preoccupato

2 anni fa - lunedì 11 gennaio 2016
Sono preoccupato…
…mi scrive Daniele. Lo capisco, sono preoccupato anch’io. Le notizie sono tutt’altro che rassicuranti. In primo luogo c’è la Cina: i suoi mercati sono tornati in tensione come la scorsa estate. C’è la Corea del Nord che preme il pedale del riarmo atomico (o così almeno fa credere). C’è la crisi diplomatica tra Arabia Saudita e Iran con Riyad che soffre la rivalità di Teheran e cerca di metterle i bastoni tra le ruote tenendo basso il prezzo dell’oro nero: una manna per i nostri impianti di riscaldamento, ma una iattura per le società del settore. Non dimentichiamo, poi, che Apple sta riducendo le produzioni di iPhone (è un pessimo segnale) e che sono tutti d’accordo nel dire che nel 2016 il mondo crescerà meno di quanto previsto finora. C’è però un’altra ragione, meno visibile, ma di cui ti ho parlato a più riprese. Anzi, te ne ho fatto vedere la fotografia - l’ultima è stata nel numero 1111. Le Borse son salite perché le Banche centrali hanno stampato moneta. Se ben ricordi ti ho pure messo all’erta dicendoti che era solo un antibiotico per economie malate. Il paziente poi deve reagire coi propri anticorpi, altrimenti appena smette di prendere la medicina – il cuè - torna a star male. E pure peggio di prima. Ora ti chiederai, e mi chiederai... il paziente è guarito? Per gli americani, che han smesso di stampare soldi, sì. Per giapponesi e noi europei, che continuiamo a iniettare quattrini nel sistema, no. Vuoi la mia personale opinione? Se va bene siamo convalescenti: ci basta uno spiffero per farci una ricaduta coi fiocchi. Che fare? Se hai pazienza, nulla. Nel giro di 5 anni (ma forse anche meno) e comunque vada, le cose sono destinate a sistemarsi. Nei prossimi mesi, però... credo sarà dura. Quindi se tra le tue virtù la pazienza latita, puoi proteggerti dai cali delle Borse - in Detto tra noi trovi tutti i consigli - o... vendere. Poi ricomprerai. Ricorda che queste ultime soluzioni hanno comunque costi che non puoi evitare.

 

 

 

 

 

 
                                                                                           Vincenzo Somma
                                                                        direttore responsabile Altroconsumo Finanza

condividi questo articolo