News
Il conto un anno fa - lunedì 3 ottobre 2016

Il conto

Te lo porta sempre qualcuno: il cameriere, il dentista,... la vita. Arriva sempre dopo qualcosa. Che il prima ti sia piaciuto, o meno, poco importa. Il conto arriva e segna il momento in cui tu devi fare la tua. Pagare. Ti sono piaciuti i BTp il cui prezzo è schizzato a 120, 130 e più? Ti sono piaciute le Borse (tutte tranne la nostra) in perenne ascesa? Ti piace l’euro forte che contiene i prezzi di tutto quanto vien dall’estero? Adesso paghi! Si sta per abbattere su di te un nuovo effetto della politica dei tassi sottozero. Dopo aver drasticamente annullato ogni possibilità di guadagno coi titoli di Stato dell’eurozona. Dopo averti costretto a cercare opportunità d’investimento in valute che un tempo avresti considerato, con giustificata spocchia, come troppo “esotiche”, la politica dei tassi sottozero si sta per abbattere sul tuo conto corrente. In altri Paesi europei si parla da tempo dei tassi negativi sui depositi bancari come di una tassa occulta, in Italia il tema è ancora un tabù. Ma non lo resterà a lungo. Certo il conto dei tassi zero sarà travestito da nuove commissioni bancarie, magari per via del contributo che le banche italiane devono dare al Fondo nazionale di risoluzione delle crisi (quello che ha aiutato a salvare Banca Marche, Etruria, CariFerrara e CariChieti). Ma sempre tu pagherai. Ubi banca, Banco Popolare e Unicredit paiono già intenzionate a ritoccare i loro costi. All’insù. Intesa SanPaolo ha, invece, smentito. Preparati al contrappasso. Coi tassi sotto-zero alle banche non restano grossi margini di guadagno e a pagare il bail-in non sarà più solo qualche sparuto gruppo di miliardari russi col conto a Cipro o di sfortunati marchigiani, ma sarai anche tu, col tuo conto corrente, con la scusa che il fondo di risoluzione delle crisi è un po’ una polizza assicurativa. Ed ecco che tutto si trasforma in una fregatura. Come ti salvi? Prima di cambiare le carte in tavola la banca è obbligata a dirtelo: butta un occhio alle comunicazioni che ti invia (se hai un conto on line, probabilmente non le guardi mai). Se scopri che la tua banca decide di alzare i costi del tuo conto prendi i soldi e scappa! Dove? Te lo dico io su www.altroconsumo.it/finanza/conticorrenti/.

 

 

 

 

 

 

 

 
                                                                                           Vincenzo Somma
                                                                        direttore responsabile Altroconsumo Finanza

condividi questo articolo