News
L'imbarazzo un anno fa - lunedì 24 ottobre 2016
L’imbarazzo
Visto che impazza ovunque, in rete e sui giornali, non ti sarà certo sfuggita la pubblicità del nuovo Conto Progetto, un conto dal fantastico tasso del 2,5% lordo (libero!) che ti promette “solo interessi, nessun vincolo”. Lo offre la Banca Lecchese, un pollone lombardo sopravvissuto alla potatura della Banca Etruria che fu, e ora in mano a fondi esteri. Bello, no, il 2,5% lordo! Primo in classifica! Oh, tutti a pubblicarne la pubblicità (son palanche) e mai nessuno che annusi per bene il prodotto. Non dico che mi ci sarei aspettato sopra un’articolessa di tre pagine, ma almeno un trafiletto di due righe per fare le pulci a quel “nessun vincolo” sì. Tocca a me. Non senza imbarazzo. Sì perché il concorrente che in questo momento ti consiglio come meta dei risparmi che vuoi tenere sempre pronti e, nel frattempo, farli rendere, è il “Conto corrente Altroconsumo”! Sono in conflitto di interessi? Mah? Io consigliando il conto Altroconsumo non ci guadagno nulla e nemmeno Altroconsumo, se non l’orgoglio professionale di poterti dirti le cose come stanno e indicarti il meglio. Attività per cui ci paghi. E comunque sia non cambio idea. Ti spiego perché. Il conto della Banca Lecchese è un “conto libero”, per cui chiunque si aspetterebbe di depositare la mattina e poter prelevare nel pomeriggio. Col piffero. In quel di Lecco le somme versate “possono essere prelevate in qualsiasi momento, con preavviso di 32 giorni”. Sì, ho copiato bene il virgolettato, lo scrivono loro nero su bianco, un conto libero, ma con un mese di preavviso. Io, per non sapere né leggere né scrivere, l’ho infilato nelle classifiche insieme ai conti vincolati e non a quelli liberi, quindi non lo trovi neppure in evidenza a pagina 11. Il 2,5% lordo (1,85% netto, annuo) dei lecchesi ti allusca comunque e vuoi farci il pensiero? Vedi tu, ma sappi che gli ultimi bilanci disponibili della banca sono quelli del 2015, quando la gestione era ancora targata Banca Etruria. Ha fatto l’aumento di capitale, un piano di ristrutturazione, ma dati recenti non ce ne sono. Quindi io, sempre per non sapere né leggere, né scrivere, la Banca Lecchese per ora non la metto neppure in classifica. Che imbarazzo!

 

 

 

 

 

 

 

 
                                                                                           Vincenzo Somma
                                                                        direttore responsabile Altroconsumo Finanza

condividi questo articolo