News

Chiacchiere & emiri

2 anni fa - lunedì 12 dicembre 2016
Chiacchiere & emiri
Da tutt’Italia (metaforicamente parlando) si leva quest’urlo di speranza (anch’esso metaforico), che gli emiri di Doha partecipino all’aumento di capitale di Monte Paschi, salvando non solo i pascoli del senese, ma anche la capra che ci brucava sopra. Io non so se sperarci: dopo la fregatura Alitalia rifilata a Etihad, la compagnia aerea degli emiri di Abu Dhabi, credo che da quelle parti – si sa gli emiri chiacchierano parecchio tra loro - siano circospetti assai di fronte all’idea di mettere di nuovo i loro petrodollari nei carrozzoni di casa nostra. Morale: io in tutto questo ottimismo sul titolo Mps ci credo poco. Stai attento a non incappare in una qualche illusione ottica. Non comprare. Niente. Vendi. Tutto. Mi riferisco a azioni e bond Mps. Stanno tutti a sperare in un salvataggio, ma con il nuovo governo dalle ali fragili che ci siamo appena regalati, è improbabile che l’Italia possa giocare di forza o di creatività di fronte a Bruxelles (le forche caudine per tutti i dossier di questo tipo) senza applicare le ferree regole europee che prevedono il salvataggio di una banca solo dopo che si è fatta carne da macello degli azionisti. Stai alla larga da tutto Mps se non vuoi vederti amputare un braccio. Piuttosto se proprio ti senti euforico, guarda alla Borsa in tutto il suo complesso. Sono passati mesi, ma alla fine il Ftse Mib è tornato vicino a quota 19.000 punti. Ricordi che te l’avevo indicata la scorsa primavera come il punto di svolta? Se dovessimo passare oltre questa soglia in modo stabile (non per qualche minuto nel corso di una giornata, ma con una chiusura sopra 19.000) allora potrebbe essere venuto il momento di vendere i tuoi sciort o, se sei uscito dalla Borsa, di rientrarci.

 

 

 

 

 

 

 

 
                                                                                           Vincenzo Somma
                                                                        direttore responsabile Altroconsumo Finanza

condividi questo articolo