News
Kōtoku Wamura un anno fa - lunedì 17 luglio 2017

Kōtoku Wamura

Non è il nome di un forgiatore di spade. Non è l’urlo di guerra di un Samurai. Non è nemmeno il nome in giapponese del pesce palla. Ti aiuto: è il sindaco di un villaggio giapponese di tremila abitanti. È famoso – in Giappone, ovvio. In vita e da morto. Da vivo aveva fatto costruire un mastodontico muro alto oltre 15 metri nel suo villaggio spendendo 3 miliardi e mezzo di yen. Più di 27 milioni di euro di oggi. Uno sproposito per un villaggio di 3.000 anime! Per tutta la vita è stato criticato e dileggiato, ma lui il muro, oltre ad averlo costruito, continuava a difenderlo: “Un giorno capirete!”. Morì. Ottantottenne. La gente continuava a vedere l’enorme muro e gli mandava gli accidenti a Kōtoku. E venne l’11 marzo 2011. Eran passati quattordici anni dalla morte di Wamura. E quel giorno tutti capirono. Oh, sì se capirono. Quel giorno ci fu il terremoto – magnitudo 9 - e il maremoto – il più grande mai registrato in Giappone - che fecero disastri a Fukushima e seminarono morti – oltre 15.000 - per tutta la costa giapponese. Ovunque tranne lì, a Fudai, il villaggio in riva al mare del sindaco sprecone. Ti racconto questa storia perché in Detto tra noi trovi un articolo su come difenderti se fallisce l’Italia. Trovi ben tre portafogli obbligazionari di emittenti ultrasicuri (a prova di tsunami, bombe atomiche e quant’altro). Uno in euro, uno in valute che consigliamo (corona svedese, sterlina inglese e rand sudafricano), il terzo in valute che sono porti franchi in caso di tempesta: dollaro americano, franco svizzero e yen giapponese. Ovviamente come il muro di Kōtoku Wamura che costò oltre tre miliardi e mezzo di yen il rifugio antitsunami che ti propongo non è gratis. Alcuni dei titoli hanno rendimenti negativi, cioè se ci metti dei soldi sai già che poi te ne danno indietro di meno (è come pagare una commissione per la cassetta di sicurezza). Tra i tre portafogli scegli quello che più ti confà. Non è necessario che tu ci metta tutti i tuoi averi, però, secondo me, qualcosina ci va. È una decisione tutta tua, ma questo muro – piccolo o grande che sia - costruiscitelo. 

Vincenzo Somma

Direttore responsabile Altroconsumo Finanza

condividi questo articolo