News
Dimissioni un anno fa - lunedì 28 agosto 2017

DIMISSIONI

Non le mie. Resto. Per il momento. Parlo delle sue. Quelle di Trump, il presidente odiato dalle anime belle. Tra dimissioni di collaboratori e polemiche sui giornali la popolarità del Donaldone è oggi in calo. E gli anglosassoni, che come sai spendono dagli allibratori il tempo che noi spendiamo a bere caffè, stanno scommettendo sulla fine della sua presidenza. Tali professionisti del futuro quotano la probabilità che Trump non arrivi a graziare il tacchino del Ringraziamento del suo quarto anno di presidenza già oltre il 50%. C’è chi punta sull’impeachment, cioè sulla sua cacciata, e chi scommette direttamente sulle sue dimissioni, cioè un suo bel vaffa a tutto e tutti! Non credo nell’impeachment, ma detto tra me e te, alle sue dimissioni un po’ sì. Capita anche che Wall Street sia cresciuta tanto negli ultimi anni e che il suo futuro sia appeso all’economia e alla politica, com’è naturale che sia, e, oggi, pure all’insofferenza e alle bambinate. Se Trump non mantiene le sue promesse, la Borsa vien giù. E quel che succede là, plasma quel che succede qua. Quel che ti dico non vuol essere un giudizio politico, ma è una constatazione: qualche giorno fa è bastata la sola idea che si andasse avanti con la riforma fiscale tanto attesa che subito il listino si è impennato recuperando minacce coreane e dimissioni varie. Oggi, invece, il più importante fondo pensione finlandese ha liquidato delle azioni americane perché ritiene gli Usa “senza guida”. In Detto tra noi trovi un’analisi che vuol fare il punto sulla questione se i mercati siano sopravvalutati o meno. Te lo anticipo: un pochino lo sono, ma non in modo preoccupante, tant’è che potrebbero anche continuare a salire. Ma se il Donald ci molla… Se ti identifichi in un portafoglio prudente non devi avere azioni americane. Ma guardiamo a casa nostra. Tra poco la Bce ascolterà i rigorosi tedeschi e smetterà di inondare il mercato di soldi. Allora i tassi sul debito pubblico italiano voleranno e il governo dovrà scegliere se mettere in cantiere una finanziaria da macelleria o, semplicemente, “limare” i BTp. Sempre in Detto tra noi ritrovi i tre portafogli a prova di botto italiano. Mi spiace salutarti con queste riflessioni, ma questo è quanto. Si naviga a vista. Si cerca di proteggersi. E io resto. 

 

 

Vincenzo Somma 

Direttore responsabile Altroconsumo

condividi questo articolo