News
Balilla e Samurai 6 mesi fa - lunedì 5 febbraio 2018

Questa settimana volevo parlarti d’altro. Volevo raccontarti della voce che gira. Delle banche che stan vendendo i BTp e le azioni nostrane “allo scoperto”. Le elezioni si avvicinano e il dopo elezioni col suo carico di incertezze pure, quindi quelle, le banche, vendono. Vendono i BTp perché temono che i tassi salgano bruscamente, innescando così un secco calo del prezzo dei titoli che hanno in pancia. Se le banche vendono prima, e di socquatto, schivano le perdite che lasciano a te. Vendono le azioni “allo scoperto” – cioè senza averle – perché temono che il loro prezzo in Borsa crolli. Le vogliono ricomprare dopo a prezzi più bassi. Di questo volevo parlarti. Poi, venerdì pomeriggio, mentre mi confrontavo con gli analisti per mettere a punto queste righe, il Balilla – lo chiamo così per via della prodigiosa mira con le sassate – s’alza e dice: “I tassi tiran giù tutto!”. O meglio avrebbe voluto dirlo perché il Samurai – lo si chiama così per la perizia nelle arti marziali – nimmanco lo lasciava finire. “Il rialzo dei tassi è già nei prezzi!” continuava ad opporgli. E via con un tira e molla che è durato un buon dieci minuti. Il Balilla a sostenere la tesi che nelle sale operative americane i ragazzini che “stan dietro i bottoni” nella loro vita han visto solo i tassi scendere e quindi ai rialzi, non avendone mai visti prima, san rispondere solo col panico, cioè con vendite incontrollate, il Samurai a prendere le difese dei ragazzini “dietro ai bottoni” affermando che: “Primo, scemi non sono, secondo tre rialzi nei tassi Usa nel 2018 già se li aspettano”. I toni in pericoloso crescendo, così come le argomentazioni via via più apocalittiche, mi han convinto alla mossa democristiana: “Ne parliamo settimana prossima – ho detto - quando rivediamo i portafogli!”. Amen. Volevo evitare si accapigliassero. E speravo che il fine settimana portasse consiglio. Non l’ha fatto, ma ti dico comunque la mia. Primo. Vendi i BTp, lo so che li hai ancora. Secondo. La Borsa Usa, volenti o nolenti guida della finanza mondiale, sta per arrivare a un bivio: la strada che prenderà influenzerà tutto e tutti. Terzo. Tieni a mente il numero 2.500. Se lo S&P 500 va sotto 2.500 la frittata l’è fatta. Quarto. Alla Borsa Usa, comunque, non dedicare più del 5% dei tuoi averi. 

 

Vincenzo Somma

Direttore responsabile Altroconsumo Finanza

condividi questo articolo